- C'era una volta in Italia

Germania anno zero

germania anno zero locandinaTitolo originale: Germania anno zero

Regia: Roberto Rossellini

Cast: Franz Grüger, Edmund Meschke, Barbara Hintz

Musiche: Renzo Rossellini

Produzione: Italia 1948

Genere: Drammatico

Durata: 75 minuti

 

 

devastazione  protagonista germania anno zero  disperazione

 

Regia: stellastellastellastellastella

Interpretazione: stellastellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastellastella

Musica: stellastellastellastella

Giudizio: stellastellastellastella

 

Trama

Nella Berlino del secondo dopoguerra, distrutta dai bombardamenti e afflitta dalla miseria, il piccolo Edmund (Edmund Meschke) fa quel che gli capita per mantenere la sua famiglia composta da un padre infermo, una sorella maggiore e un fratello ex soldato. Un giorno incontra un suo vecchio maestro nazista (molto probabilmente un pedofilo) che comincia a lusingarlo e a instillargli delle teorie pericolose, come quella secondo cui i deboli devono soccombere, lasciando così spazio ai più forti. Convinto dal pensiero del maestro, Edmund avvelena il padre ‘inutile’ ma poi, accorgendosi di aver fatto un terribile sbaglio, si suicida gettandosi da un palazzo in rovina.

Recensione

Il film, facente parte della cosiddetta trilogia della guerra di Rossellini, insieme a Roma città aperta (1945) e Paisà (1946), è l’affresco di una Germania appena uscita dalla guerra che stenta a rialzarsi. La stessa famiglia di Edmund può essere vista come lo specchio di questa società alla deriva: il padre, invece di essere una figura forte e autoritaria, è ridotto a vegetare su un letto; la madre, quindi tutto ciò che è simbolo di cura e amore, non c’è più; i due figli maggiori, la generazione di mezzo, devono combattere contro le difficoltà quotidiane, cercando di mantenere onore e dignità.

Quanto a Edmund, egli rappresenta  la confusione morale del Paese, non a caso lo vediamo spesso vagare per le strade e tra le rovine degli edifici, e quando incontra il “cattivo maestro” Enning non esita a fidarsi di lui come se avesse bisogno di un’altra figura paterna che lo aiuti a capire la realtà. Memorabili gli ultimi quattordici minuti del film che seguono il bambino dalla notte al mattino dopo (il tipico “pedinamento” neorealista) soffermandosi su eventi casuali.

Ad esempio, lo vediamo osservare una prostituta che lascia un cliente, giocherellare per strada e tentare di unirsi a un gruppo di ragazzini in una partita di pallone. Si tratta quindi di avvenimenti del tutto normali e che quindi non preparano lo spettatore a quel che succederà da lì a poco, il suicidio del bambino. Del resto, una delle caratteristiche più importanti del neorealismo è quella di tendere ad appiattire tutti gli eventi sullo stesso piano, alleggerendo le scene più drammatiche e privilegiando fatti e comportamenti abituali.

Curiosità

desolazione

 

Premiato al Festival di Locarno con il Leopardo d’oro, il film prende il titolo da L’année zero de l’Allemagne di E. Marin.

Fabiana Nuara

Fabiana Nuara

Ciao a tutti, sono Fabiana e adoro questa magnifica invenzione che si chiama cinema. Già a tre anni restavo come ipnotizzata davanti allo schermo guardando le avventure di Nils Holgersson e quando più tardi vidi I Goonies e Indiana Jones capii che vivere un'avventura era la cosa più bella del mondo. Forse è per questo che amo la settima arte, perché ogni film è una scoperta e un viaggio, un viaggio nello spazio, nel tempo o entrambi. Viva il cinema!
Leggi tutti gli articoli di Fabiana Nuara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *