- Cinefocus, Personaggi mitici

Han Solo, il Generale della Resistenza

han solo harrison fordRagazzo… Io ho girato questa galassia in lungo e in largo, ho visto un sacco di cose curiose. Però non ho visto niente che mi abbia convinto che esiste un’unica ‘Onnipossente Forza’ che comanda tutto quanto!

Ian Solo. O meglio Han Solo, come prevede la versione originale, non può non essere citato come uno tra i personaggi più irriverenti, carismatici e iconici non soltanto nel genere fantascienza, ma anche in generale nelle produzioni degli ultimi trent’anni.

A dargli vita è Harrison Ford, all’epoca trentenne, ed è proprio a questo ruolo che l’attore deve l’avvio internazionale della propria carriera.

Apparso per la prima volta in Star Wars: Episodio IV – Una nuova speranza (George Lucas, 1977), Han Solo diventa uno dei protagonisti assoluti di questa fortunata saga sci-fi, confermando il proprio fascino in Star Wars: Episodio V – L’impero colpisce ancora (1980) e Star Wars: Episodio VI – Il ritorno dello Jedi (1983).

leia e han soloIn Una nuova speranza Han Solo, insieme al suo inseparabile compagno wookiee Chewbacca, è reclutato da Obi Wan Kenobi e Luke Skywalker per un viaggio intergalattico alla volta del pianeta Alderaan. Memorabile è la prima apparizione del Millenium Falcon, “il più veloce pezzo di ferraglia dell’intera galassia”, o questo almeno è quanto sostiene Solo.

Catturati in seguito dall’Impero e portati all’interno della Morte Nera, il nostro spavaldo contrabbandiere fa la conoscenza della Principessa Leia, scontrandosi subito con il suo carattere ribelle ma subendone notevolmente il fascino.

Pur facendo di tutto per non immischiarsi nella lotta contro l’Impero, l’uomo si trova a combattere al fianco dei ribelli e proprio il coraggio dimostrato lo porta a ottenere il grado di Generale nella Resistenza, ruolo in cui lo ritroviamo ne L’impero colpisce ancora quando la base segreta dei ribelli viene scoperta e Han Solo è costretto a fuggire dalle truppe imperiali insieme a Leia.

chewbecca e han soloMentre cercano riparo presso un amico di lunga data del Generale, Lando Calrissian, Han e Leia si avvicinano sempre di più tra un battibecco e l’altro, non riuscendo a contrastare i sentimenti che provano l’uno per l’altra.

Caduti in una trappola tesa da Darth Vader, i due sono divisi e Han Solo è catturato dal cacciatore di taglie Boba Fett e consegnato a Jabba the Hutt, suo creditore.

Ne Il ritorno dello Jedi, grazie al coraggio dei suoi amici che hanno impiegato tutte le loro risorse per ritrovarlo, Han viene liberato e può così unirsi nuovamente alla lotta contro l’Impero, giunta ormai al suo capitolo finale. Guidando i ribelli in un ultimo attacco, Han riesce a dare a Luke Skywalker il tempo di han solo sul Millennium Falconsconfiggere l’Imperatore Palpatine e redimere suo padre, Darth Vader.

È legittimo affermare che Han Solo è uno dei personaggi che più si è evoluto nella saga di Star Wars.

Da contrabbandiere cinico, egocentrico e, apparentemente, privo di qualsiasi valore morale, si è trasformato in un autentico eroe, pronto a sacrificare la propria vita (e ciò purtroppo avviene in Star Wars: Il risveglio della forza) in virtù di ideali che ha abbracciato completamente e per assicurare la salvezza e la libertà delle persone a lui care.

Insomma, la classica canaglia che sotto la superficie nasconde un cuore d’oro e un coraggio fuori dal comune.

Francesca Bigi

Francesca Bigi

Nata nel 1988, laureata in Scienze Internazionali e Diplomatiche presso l'Università degli Studi di Genova. Amo il cinema fin da quando ero piccola e per questo dovrò sempre ringraziare mio padre che mi ha mostrato i classici intramontabili e mi ha spronato a esplorare anche le produzioni meno conosciute. L'appuntamento settimanale con la sala cinematografica, o il divano e un bel Dvd, è d'obbligo: in assoluto prediligo il genere fantasy ma amo spaziare e se la storia mi colpisce, ha poca importanza che sia un thriller o una commedia romantica. Sono totalmente dipendente dalla letteratura e dalle serie tv americane, grandi amori a cui non potrei mai rinunciare.
Leggi tutti gli articoli di Francesca Bigi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *