- Cinefocus, Cinema e Cultura

La funzione del cinema e l’importanza della visione in sala

sala cinemaQuando capita di interrogarsi in merito alla funzione del cinema, si cerca una risposta che sia la più semplice e veritiera possibile. Opinione diffusa, il cinema è il risultato di una fabbrica dei sogni, nome quest’ultimo che veniva dato all’industria hollywodiana degli anni ’20.

Il cinema è una fabbrica di sogni poichè, in termini scientifici, guardare un film in sala e quindi proiettato su un grande schermo comporta l’oscillazione dei nostri occhi con movimenti molto ampi, che equivalgono sostanzialmente alla fase REM (Rapid Eye Movement).

Essa corrisponde a quella fase del nostro sonno in cui sogniamo o meglio ci ricordiamo di più i nostri sogni, e quando ci svegliamo ci sentiamo come se avessimo fatto un’esperienza rivelatoria, intensa, credendo che ci siano stati appena svelati profondi misteri della nostra vita presente o futura.

Il cinema agisce sul nostro subconscio così e i film che più ci colpiscono agiscono su di noi in maniera silenziosa, cambiando radicalmente una parte della nostra identità.

Quando si va in sala, si attua una regressione infantile, il cinema agisce sulla parte del nostro cervello legata all’infanzia, facendoci tornare tutti bambini. Ecco anche perchè la sala ha una funzione fondamentale se si vuole godere appieno dell’esperienza che comporta la visione di un film.

Ovviamente dopo la sua invenzione (ad opera dei fratelli Lumiere nel 1895), molti si accorsero della sua forza dirompente che poteva essere sfruttata per innescare nella mente delle persone idee politiche e sociali. Difatti sia la Russia bolscevica che la Germania nazista usarono tantissimo questa forma di comunicazione per favorire l’innesto dei loro ideali.

Ovviamente la concezione del cinema è uguale in tutto il mondo, ma il linguaggio differisce. L’occhio dei caucasici ha la tendenza a vedere (e leggere) le immagini partendo da sinistra verso destra, più specificamente dall’alto verso il basso partendo dall’angolo in alto a sinistra, a scendere in basso verso destra.

Per il popolo arabo ovviamente è il contrario, poichè l’inclinazione dei loro occhi propende per la partenza dall’angolo in alto a destra (come la loro scrittura).

La logica visiva giapponese invece individua il centro focale dello schermo come punto d’azione, quindi se un personaggio vorrà “tornare indietro”, esso si allontanerà dalla macchina da presa e ovviamente succederà il contrario se si vuol “andare avanti”.

Se il cinema inteso come luogo fisico dovesse in futuro non esistere più, cesserebbero il reale scopo e la vera esperienza che quest’arte magica riesce a darci.

Samuele Leogrande

Samuele Leogrande

Samuele Leogrande, classe 1999. Studente di recitazione presso Accademia 09 di Milano. Coltivo la passione per il cinema fin da bambino, alimentata anche grazie alla videoteca di mio padre in attivo da più di 25 anni. Sono anche appassionato di storia del teatro, in particolare per il periodo russo di inizio 900’. Coltivo anche (con all’attivo 2 cortometraggi, 2 prodotti audiovisivi) l’arte della regia.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Leogrande

2 thoughts on “La funzione del cinema e l’importanza della visione in sala

  1. Complimenti Samuele, non conoscevo tutte queste notizie sul cinema, è vero, a volte i “bei” film… ci cambiano l’anima, grazie. Cinzia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *