- Cinefocus, Scene memorabili

La terrificante ascesa dell’angelo sterminatore

brandon e tori volo brightburnBrightburn, Texas. La fattoria Breyer è distrutta: sì, proprio quella che dodici anni prima aveva visto schiantarsi a pochi passi la navicella spaziale con a bordo il piccolo Brandon, un figlio del cielo proveniente da un pianeta misterioso e lontano. Il neonato alieno di un mondo altro è dono maximo per Tori e Kyle, proprietari di quella fattoria. I Kent a Smalville ebbero, però, maggior fortuna con il prodigio kryptoniano Kal-El, conosciuto dall’umanità come Superman.

Ci sono supereroi votati al bene, altri inclini al male per scarso discernimento dello stesso. Brandon appartiene alla seconda categoria, così il suo potere devastante prende il sopravvento asservendosi alla distruzione. Non esiste una soluzione a un problema irrisolvibile, nemmeno se a quell’angelo del male prova ad anteporsi sua madre (adottiva), una figura ancestrale che detta la direzione a una bussola impazzita. brandon bryerLa lancetta, però, non accenna a calmarsi e l’amore filiale naufraga per trasformarsi in odio profondo, esploso in una furiosa e inaspettata rivolta in grado di sovvertire qualunque positivo valore.

Nella Divina Commedia si racconta di un angelo caduto, destinato a rappresentare l’estrema e più coriacea antitesi a Dio e alla sua corte alata. Brandon incarna un Lucifero extraterrestre che non sprofonda ma ascende riservando una ben misera fine alla propria madre. Un viaggio oscuro e devastante quello di Brandon, chiamato a “prendere il mondo” sbarazzandosi dell’ultima speranza di redenzione.

tori bryerConsapevole di non poter fare più nulla per rieducare all’umano il suo supereroe al contrario, Tori tenta il gesto disperato, l’omicidio di un figlio di cui ha ormai perduto ogni controllo, uno sterminatore senza più coscienza, ingenuità o innocenza. Il golpe fallisce, alla violenza non c’è rimedio e il tradimento della donna viene scoperto e punito con inaudita rabbia.

Brandon spicca il volo annientando anche la gravità, tiene stretta a sé Tori raggiungendo le nuvole, laddove quella che dovrebbe essere vista come una sacra ascensione di riconciliazione muta in orrore. Brandon fissa negli occhi la propria madre ma la scelta è fatta, la lascia cadere nel vuoto abbracciando la sua terrificante causa, l’inesorabile missione di conquista. La salvezza non abita più qui.

Tutto ciò succede nel film L’Angelo del Male: Brightburn, diretto nel 2019 da David Yarovesky.

Guarda la scena.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *