- Cinefocus, Personaggi mitici

Martin Riggs, una vera arma letale

mel gibson arma letaleL’arma letale che dà il titolo alla straordinaria saga di Richard Donner è in realtà un uomo, Martin Riggs.

Classe 1950, all’età di 19 anni si arruola nelle Forze Armate Americane, dove viene addestrato all’uso delle armi e al combattimento corpo a corpo, e precisamente nei fondamenti di Jujitsu, Judo e boxe. In Vietnam presta servizio come killer professionista per conto della CIA.

Martin vive un profondo trauma esistenziale causato dalla morte della moglie Lynn dopo 11 anni di matrimonio. La donna, rimasta coinvolta in un apparente incidente d’auto, si scoprirà essere in realtà stata uccisa da Pieter Vorstedt, diplomatico facente parte di un’organizzazione sudafricana specializzata in traffici di droga.

L’accaduto porta Riggs a provare indifferenza nei confronti della vita e della morte, della paura e del rimpianto: tale peculiarità emotiva lo conduce sull’orlo del suicidio, ma al contempo lo avvantaggia rispetto ai criminali nelle situazioni ad alto rischio. Tipo schivo e solitario, vive in una roulotte in riva al mare insieme al suo cane.

Martin Riggs e Roger Murtaugh, una coppia esplosiva

martin riggsUna volta trasferito dalla narcotici alla sezione omicidi, fa coppia con Roger Murtaugh, il suo esatto opposto. I due, superate le prime incomprensioni, fraternizzano, tanto che Martin trova a poco a poco un altro motivo per tornare a vivere, riscoprendo il valore della famiglia e dell’amicizia.

Le loro indagini li coinvolgono in avventure metropolitane intricate e intense.

Joshua e i trafficanti di droga del generale McCallister

Nel primo capitolo della saga, Martin e Roger devono vedersela con dei trafficanti di droga capeggiati dal generale McCallister e dal suo vice, l’imponente Joshua.

martin riggs interpretato da mel gibsonIn quest’occasione, Riggs mette in evidenza diverse abilità: sopra tutte la facilità d’uso della sua Beretta 92F (al poligono disegnerà con colpi estremamente precisi un sorriso sul bersaglio a notevole distanza), per non parlare del full contact, utile nello scontro decisivo col biondo Joshua, addestrato anch’egli nelle forze speciali.

Va inoltre fatta notare la strana tendenza di Riggs a slogarsi e riassestarsi a piacimento la spalla (vedere la scena della camicia di forza). Ciò lo aiuterà in molti frangenti.

Vendicare Lynn

Nel secondo capitolo è la volta di un gruppo di diplomatici sudafricani razzisti e spietati. I due protagonisti rischiano molto: Roger si salva per un soffio dall’esplosione di una bomba in casa sua, mentre Riggs sopravvive a due colpi di pistola. Martin riesce a vendicare finalmente l’assassinio della moglie uccidendo Vorstedt, liberandosi di un peso ingombrante.

Arma Letale è ora un uomo molto diverso. Gli spettri del passato sembrano averlo abbandonato. Molto più partecipativo alla vita del distretto, è diventato a pieno regime un componente della famiglia Murtaugh e pare aver lavorato tanto sul proprio carattere. Scherzoso, burlone ma sempre terribilmente istintivo.

Martin conosce Lorna

roger murtaugh e martin riggs in amra letale 4Nel terzo capitolo la coppia ha a che fare con trafficanti d’armi senza scrupoli, tra i quali si cela un ex poliziotto. Durante le indagini, Martin conosce Lorna Cole, anche lei agente. I due, dopo varie scaramucce, si innamorano e decidono di metter su famiglia insieme.

Triade cinese, clandestini e soldi falsi

Nel quarto capitolo della saga, Riggs e Murtaugh si oppongono nientemeno che alla Triade cinese, infiltratasi in America con un traffico di clandestini e soldi falsi. I due agenti dovranno unire le forze per sconfiggere nella lotta Wah Sing Ku, un sicario eccellente nelle arti marziali.

Martin Riggs è stato eletto dalla rivista Empire uno dei cento personaggi più carismatici e rappresentativi della storia del cinema. A interpretarlo, uno straordinario Mel Gibson all’apice della forma e della carriera.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *