- Cinefocus, Scene memorabili

Non ho scritto di te, ti ho creata!

Ruby Sparks è un indie-movie del 2009 diretto dalla coppia di Little Miss Sunshine, Jonathan Dayton e Valerie Faris, e scritto da Zoe Kazan, anche protagonista della pellicola. In una delle scene più significative, Ruby e Calvin sono giunti al pareggio dei conti. Ma facciamo qualche passo indietro.

Trama di Ruby Sparks

Calvin, interpretato da Paul Dano, è uno scrittore con un blocco creativo che dura da ben dieci anni, dal suo primo e ultimo successo diventato bestseller subito. Da allora cerca di sopravvivere alle aspettative degli altri e, complice un carattere molto difficile, non riesce, le idee sembrano non voler uscire.

Fino a quando non sogna una ragazza e da lì la sua mente si apre. Inizia a scrivere una pagina dopo l’altra, senza stancarsi mai, di una storia con protagonista proprio lei, Ruby, la donna perfetta, la donna dei suoi sogni. Ma succede l’imprevedibile… una mattina si sveglia e trova Ruby proprio lì a casa sua, in carne e ossa.

Non solo, dice perfino di essere la sua ragazza. Cosa di brutto potrà mai accadere? Calvin è un tipo che ama la solitudine, il suo piccolo mondo casalingo e noioso, mentre Ruby è piena di brio, vuole vivere, divertirsi. Così i due, che all’inizio erano felici, perché era Calvin a guidare i giochi, divergono, si distaccano piano piano e lui non ci sta.

La costringe a essere felice, usando un potere che non dovrebbe avere. Ma non è più se stessa, così le dona di nuovo il suo usuale carattere. Le cose però precipitano… quella discesa inarrestabile riprende e lui non può fare nulla per impedirlo.

Una vita inventata ma comunque vera

In questa scena, che può essere considerata con facilità l’apice del film, lei vuole andare via, darsi una possibilità, vivere la vita così come la vuole: piena di colori e di cose nuove, di contatti umani, e lui afferma che può impedirglielo. E’ costretto a confessare: “Io ti ho creata“.

ruby sparks sceneLei non ci crede, ha già raccolto le sue cose ed è pronta ad andare, così Calvin le dà una terribile dimostrazione. Prima le blocca la strada. Ruby, sempre più spaventata, continua a sbattere contro una parete invisibile. Calvin, seduto alla sua scrivania di fronte alla macchina da scrivere, la fissa tristemente, e scrive.

La fa saltare, abbaiare, le fa dire che non vuole nessun altro se non lui, la lascia scontrarsi contro un muro ininterrottamente e strisciare a terra, fino a sfinirsi. Lei esegue, senza volontà, come una foglia sballottata in giro dal vento.

Poi resta immobile, il respiro affannoso. Troppo penoso persino per lui, che ha capito cosa vuol dire amare: rendere liberi. Perciò la libera e Ruby corre via, verso la libertà di una vita inventata ma comunque vera.

Guarda la scena

Ilaria Pasqua

Ilaria Pasqua

Ciao a tutti! Ho 28 anni, una laurea triennale e una laurea specialistica al Dams di Roma Tre, indirizzo cinema. Alle spalle ho alcuni corsi di scrittura e sceneggiatura e tanta passione per il cinema, i libri, i viaggi e la scrittura. Le mie esperienze lavorative sono state varie e sempre in continuo cambiamento: ho fatto l’hostess, lavorato per un sito online e come segretaria, ma senza smettere mai di scrivere. Ho lanciato il blog annesso al mio sito (http://www.ilariapasqua.net/) e due dei miei libri. Mi diverto a scrivere sceneggiature, visti i tempi più per me stessa, ma continuo a preferire guardare film. L’ho sempre amato, perché quando m’immergo in una storia mi sento veramente felice e in pace con me stessa. Per questo adoro anche leggere, qualsiasi cosa. Sono curiosa per natura, sempre alla ricerca di nuovi stimoli e perennemente in movimento, a volte troppo frenetico. Non ho un genere preferito e amo spaziare cercando di essere più varia possibile (non vorrei mai perdermi qualche capolavoro!). Un regista che apprezzo davvero molto è David Lynch. Sono piena di entusiasmo e spero di fare un buon lavoro su questo sito. Ho visto che qui di passione ce n’è tanta. Di certo è il posto giusto per me.
Leggi tutti gli articoli di Ilaria Pasqua

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *