- Cinefocus, Personaggi mitici

Rick Blaine

Ilsa, le cose da eroe non mi piacciono. Ma tu sai bene che i problemi di tre piccole persone come noi non contano in questa immensa tragedia. Un giorno capirai… Buona fortuna, bambina!Rick Blaine

rick blaine di casablancaSoffermarsi per un attimo sul reale significato di “mitico” riguardo i personaggi creati sul grande schermo può voler dire ricercare quell’impatto visivo e quel fascino iconico che permettono a quel volto e quella fisicità di rimanere impressi per sempre nella mente.

Quello che, forse ancor di più nel panorama hollywoodiano, incarna il mito dei miti è Rick Blaine, l’ex combattente della resistenza proprietario del mitico “Rick’s Café Américain”, apparentemente cinico e disincantato protagonista di Casablanca (Michael Curtiz, 1942), interpretato dal divo dei divi Humphrey Bogart.

Rick Blaine, romantico stanco dal passato sofferto

Il film è a ragione definito come “il triangolo amoroso più famoso della storia del cinema” e racconta le vicissitudini dei protagonisti nell’immediato secondo dopoguerra, in fuga dai nazisti e alla ricerca di un visto per passare il confine. Sulle note di As time goes by, brano anch’esso entrato di diritto nell’immaginario collettivo, si sviluppa il personaggio di Rick: il romantico stanco, dal passato sofferto e dal destino beffardo che torna a prendersi gioco di lui portando nel suo locale l’amore perduto ma mai dimenticato, una splendida Ingrid Bergman.

E così, nel dolore e nell’amarezza più grandi egli sceglierà, in ultimo slancio da grande anti-eroe qual è, di lasciarla andare via, per il bene di entrambi, congedandosi da lei con una delle battute più famose del film:

Se tu restassi, un giorno saresti presa dal rimorso. Non oggi, forse nemmeno domani, ma presto o tardi e per tutta la vita”.

Giuseppe Sagnelli

Giuseppe Sagnelli

Mi chiamo Giuseppe Sagnelli, sono nato a S. Felice a Cancello, un piccolo comune della provincia di Caserta, il 26 novembre 1983. Grazie al buon esempio di mio padre, ho cominciato molto presto a “divorare” cinema in grande quantità. L’amore puro è nato dopo il mio trasferimento a Roma, ormai quasi dieci anni fa, soprattutto dopo l’incontro con un caro amico che ora non c’è più. Mi insegnò come guardare il Cinema nella sua pienezza e a desiderare su tutto di imparare a farlo, a scriverne e a parlarne sempre e con chiunque.
Leggi tutti gli articoli di Giuseppe Sagnelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *