- Cortometraggi

Memorie sbiadite

memorie sbiadite locandinaTitolo originale: Memorie Sbiadite

Regia e sceneggiatura: Valentina Galdi

Cast: Gianni D’Amato, Antonio Moscatiello, Alessia Petrone

Produzione: Italia 2020

Genere: Drammatico

Durata: 11 minuti

the gladiator company logo

memorie sbiadite scena  memorie sbiadite ragazza  memorie sbiadite complici

 

Regia: stellastellastella

Interpretazione: stellastella

Sceneggiatura: stellastellastella

Musica: stellastellastella

Giudizio: stellastellastella

 

Trama

Un ragazzo, dopo aver aperto una scatola con vecchi oggetti, si ritrova immerso in ricordi strazianti che riesce a combattere solo ricorrendo a calmanti. Ma si tratta di ricordi o allucinazioni?

Recensione

La giovane Valentina Galdi, classe 1995, torna dietro la macchina da presa dirigendo il suo quarto cortometraggio. Rispetto ai precedenti lavori, in Memorie sbiadite lo sguardo si affina e il racconto segue un filo più filosofico.

Il protagonista del corto si ritrova ad affrontare pensieri in cui ricordi e follia sembrano confondersi. Tutto viene riportato alla luce da una scatola di oggetti in cui ritrova una vecchia foto sbiadita di un amore ormai lontano.

Visioni ingannevoli causate da stati alterati o ricordi carichi di sconforto? Non è chiaro cosa si nasconda dietro il tormento del protagonista, che insegue una figura femminile dalle sembianze angeliche nella speranza di poterla toccare. Ma la vera gabbia è sempre dentro di noi e il viaggio verso la follia genera sempre più solitudine e incomprensione.

È evidente che il lavoro della giovanissima regista salernitana è maturato e lo sguardo è diventato più intenso, con inquadrature molto più studiate e ricche di significato. È possibile anche cogliere il forte legame con il territorio in cui i paesaggi stessi assumono un ruolo quasi diegetico con i loro colori e rumorosi silenzi.

La riflessione spazia tra follia e normalità, omologazione e sofferenza, in un percorso accidentato in cui il confronto più amaro è quello con se stessi.

Curiosità

frame memorie sbiadite

Il corto è stato presentato al Salerno CORTOcircuito Festival 2020.

 

 

Copyright immagini: The Gladiator Company

Miriam Reale

Miriam Reale

Mi chiamo Miriam, classe 1989 e vengo dalla provincia di Cosenza dalla quale sono scappata per vivere a Roma, città in cui oltre a studiare Lingue mi dedico alla mia passione per il cinema. La sala cinematografica è per me uno strumento vitale di evasione che mi permette di volta in volta di essere un supereroe, un’agente dei servizi segreti, una donna in cerca della favola, una rockstar ansiosa. Amo la musica elettronica e gli animali.
Leggi tutti gli articoli di Miriam Reale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *