- Festival

Oscar 2019: Dogman alla conquista della statuetta come miglior film straniero

scena dogmanDogman del regista Matteo Garrone è il lungometraggio designato a rappresentare l’Italia alla selezione del Premio Oscar per il miglior film straniero in occasione della 91a edizione degli Academy Awards. La scelta della commissione di selezione per il film italiano da candidare istituita dall’Anica, su incarico dell’Academy of Motion Picture Arts and Sciences, non ha avuto dubbi: la potenza visiva di Dogman e lo straordinario carisma del protagonista Marcello Fonte sono elementi imprescindibili per la conquista della statuetta.

Garrone ha voluto raccontare una storia di cronaca nera degli anni ’80, ambientata in una periferia di Roma simbolo dell’abusivismo edilizio e parzialmente ispirata al delitto del “Canaro della Magliana”: il regista non ha voluto ricostruire i fatti reali ma offrire un racconto romanzato della vicenda. Matteo Garrone non ha avuto timore di mostrare una delle pagina più buie della storia recente ed è stato perfetto nel creare un’atmosfera cupa, inquietante e piena di tensione per tutta la durata del film.

Ricordiamo che Dogman è stato accolto positivamente all’ultima edizione del Festival di Cannes, dove ha ricevuto applausi e recensioni eccellenti, oltre alla Palma d’Oro per il miglior attore al protagonista Marcello Fonte. Inoltre la pellicola è stata distribuita in oltre 40 paesi.

L’annuncio delle nomination è previsto per il 22 gennaio 2019, mentre la cerimonia ufficiale della consegna degli Oscar si terrà domenica 24 febbraio 2019 a Los Angeles. Dogman avrà quindi la possibilità di entrare nella fatidica cinquina, con la speranza di conquistare la statuetta che ormai manca da ben quattro anni, cioè da quando il film La Grande Bellezza di Paolo Sorrentino venne premiato dall’Academy come miglior film straniero.

Concorreranno nella medesima categoria Roma di Alfonso Cuaron (Leone D’Oro al Festival di Venezia 2018, selezionato per rappresentare il Messico ai premi Oscar 2019), Cold War di Pawel Pawlikowski per la Polonia, Sunset di Laszlo Nemes per l’Ungheria, Beauty and the Dogs di Kaouther Ben Hania (Tunisia), Secret Ingredient di Gjorce Stavreski (Macedonia) e The Great Mystical Circus di Carlos Caca Diegues (Brasile).

Il regista Matteo Garrone ha già conquistato due Grand Prix al Festival di Cannes nel 2008 con Gomorra e nel 2012 con Reality.

Immagine: Copyright © 01Distribution

Francesco Marchiori Zana

Francesco Marchiori Zana

Ciao a tutti. Mi chiamo Francesco, vivo a Verona e sono da sempre appassionato di musica, cinema, arte e cultura. Da molti anni mi occupo di management e booking di band e artisti. Ho collaborato con molte agenzie e partners di tutta Europa per l’organizzazione di eventi e concerti. Sono un aspirante regista e sceneggiatore. La scrittura è una passione che coltivo fin dalla tenera età. Onorato di poter dare il mio contributo a Recencinema.it
Leggi tutti gli articoli di Francesco Marchiori Zana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *