- News

Palomar porta al cinema la straordinaria storia di Leone Jacovacci

leone jacovacciUna storia di coraggio, accettazione e conquiste sociali quella di Leone Jacovacci, il pugile nero che ha combattuto per essere italiano. Palomar, con una produzione che coinvolgerà Italia, Francia e Inghilterra, intende portarla sul grande schermo nel 2021.

Per la distribuzione si stanno tentando accordi con le major internazionali. La casa di produzione è già nota per i titoli cinematografici di pregio, come Volevo Nascondermi o l’apprezzatissimo adattamento del romanzo di Roberto Saviano La Paranza dei Bambini.

Ha però messo a segno anche numerosi successi televisivi, tra cui i film de Il Commissario Montalbano, dalle opere di Andrea Camilleri, nonchè Il Nome della Rosa, adattamento del celeberrimo libro di Umberto Eco. Stavolta alomar ha deciso di confrontarsi con una storia vera, la biografia di un pugile che negli anni Venti, quindi in pieno regime fascista, ha lottato per il titolo europeo.

Il film accompagnerà “Il mulatto di Trastevere” – come tutti chiamavano Leone Jacovacci – nel percorso per affermarsi, prima che nello sport, nella sua italianità. Pur essendo nato in Congo, Leone ha trascorso l’adolescenza nelle periferie romane, dove il suo fisico scultoreo e il suo talento eccezionale per la boxe gli hanno permesso di distinguersi.

Nei primi incontri a Parigi, a causa del colore della sua pelle, ha dovuto combattere con lo pseudonimo di John Walker, guadagnandosi ben presto l’affetto del pubblico. Molto più ardua sarà la lotta per farsi riconoscere come cittadino dalla Federazione Italiana del Pugilato, proprio nel 1928 quando Mussolini, all’apice del suo sogno imperiale, mai avrebbe accettato un campione dalla pelle scura.

Leone ha combattuto con i migliori, tra cui l’orgoglio italico Mario Bosisio, per mettere al tappeto la propaganda fascista e il razzismo. Riuscirà Palomar ha tramandare con efficacia e credibilità la sua storia?

Giorgia Colucci

Giorgia Colucci

Classe 1998, inguaribile sognatrice e amante dell’arte in ogni sua forma. Laureata in Comunicazione Media e Pubblicità presso l'Università IULM di Milano, dopo il doploma al liceo classico, lavoro come giornalista sportiva, di spettacolo e di cronaca. Racconto la musica in radio per passione e nel tempo libero tento di ritrovare nel mondo quella bellezza descritta sui libri. Il cinema è per me complementare alla lettura. È un'espressione raffinata del nostro mondo intrinseco, il mezzo per fuggire dalla realtà e perdersi semplicemente. Apprezzo ogni genere di film, ma sono innamorata profondamente delle atmosfere talvolta favoleggianti, talvolta cupe di quegli strani anni in cui a popolare il grande schermo erano i miti. Mi emoziono spesso, perciò scrivere, per comprendere e amare, diventa una necessità.
Leggi tutti gli articoli di Giorgia Colucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *