- News

Skull: il primo Predator sulla Terra nel quinto capitolo del franchise

Sarà presto al cinema il quinto capitolo della saga di Predator (nel conto sono esclusi i cross-over con Alien), costituita finora dai precedenti Predator (1987), Predator 2 (1990), Predators (2010) e The Predator (2018).

Diretto da Dan Trachtenberg (regista di 10 Cloverfield Lane) e prodotto da John Davis, questo Predator 5 non ha ancora una data di uscita sebbene sia ormai in via di definizione. Davis ha però confermato il titolo del fantascientifico lungometraggio: Skull, scritto da Patrick Aison (Kingdom, Jack Ryan, Treadstone).

La trama

predator 5La storia, ambientata diversi secoli fa nella selvaggia America del Nord prima della sua colonizzazione, racconterà del primo alieno giunto sulla Terra in cerca di trofei di caccia umani. Il territorio era abitato dalla popolazione nativa dei Comanche, che viveva seguendo scrupolose e ferree regole.

Nella tribù c’è Kee, una giovane donna che vive insieme al fratello più piccolo Taabe. Kee è una “Patsi”, una giovane coraggiosa che ha aiutato il fratellino a crescere e formarsi. Inoltre è una veggente, che decide di schierarsi con gli altri guerrieri quando incombe la minaccia dei cacciatori spaziali.

Aspettative su Predator 5

Davis si mostra ottimista in merito al futuro successo del film e in un’intervista afferma:

Credo che sarà, penso, il secondo miglior film della saga… se non il primo, o per lo meno all’altezza del primo. Mi spiego? Penso che il primo fosse un film meraviglioso e interessante, so che cosa funzionò in quel caso. La mia sensazione è che in un certo senso non siamo mai tornati a quel livello. Siamo andati in altre direzioni. Penso che questo film completerà il primo con onore. Sarà altrettanto buono“.

L’ultimo capitolo del franchise, The Predator, diretto da Shane Black che fu nel cast dell’originale Predator (1987) con Arnold Schwarzenegger, non è stato all’altezza delle aspettative: con 160 milioni di dollari incassati al box office a fronte di 88 spesi per la sua produzione, fu quasi un flop. I dubbi da parte dei fan ci sono, ma è noto che il cinema ha la capacità innata di saper stupire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *