In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Cercasi amore per la fine del mondo

Scritto da Leonardo Branchi   
Giovedì 17 Gennaio 2013 02:07

cercasi amore per la fine del mondoTitolo originale: Seeking a friend for the end of the world

Regia: Lorene Scafaria

Cast: Steve Carell, Keira Knightley, Melanie Lynskey

Musiche: Rob Simonsen e Jonathan Sadoff

Produzione: Usa, Singapore, Malesia, Indonesia 2012

Genere: Commediacercasi amore per la fine del mondo1

Durata: 100 minuti

Trailer

 

 

cercasi amore per la fine del mondo2

Regia: 

Interpretazione:

Sceneggiatura:

Musica: cercasi amore per la fine del mondo3

Giudizio:

 

Trama

Un asteroide si appresta a colpire la Terra passati 21 giorni, indenne a ogni tentativo di deviarlo. Il matrimonio di Dodge (Steve Carell) non regge a questa pressione e la moglie lo abbandona. Rimasto solo come (o per meglio dire con) un cane, decide di rincontare il suo primo amore ai tempi delle superiori per non morire con dei rimorsi. Lo accompagna nel suo percorso la vicina di casa Penny (Keira Knightley), una ragazza con un carattere totalmente diverso dal suo. Nel corso del viaggio le loro prospettive si intrecciano e i loro ultimi giorni si illuminano.

Recensione

Questo piccolo film low budget (10 milioni di dollari), uscito negli Usa a giugno 2012, approda in Italia con colpevole ritardo, quando ormai il tema della fine del mondo ha perso tutto il suo fascino. L’infelice scelta distributiva rischia di penalizzare un prodotto già poco memorabile. Lorene Scafaria (sceneggiatrice di Nick & Norah: Tutto accadde in una notte, Peter Sollett, 2009) per il suo esordio alla regia ha immaginato una storia d’amore ai tempi dell’apocalisse e inizialmente sembra fare centro, affrescando in modo feroce gli ultimi momenti di un’umanità allo sbando. Con il passare del tempo l’umorismo grottesco della prima parte svanisce, lasciando spazio alla relazione tra i due attori principali. La svolta sentimentale si rivela però inefficace, in quanto non riesce a emozionare lo spettatore e dilata molto il ritmo dell’opera rendendola poco digeribile. Poteva essere una grande commedia corale avendo tutte potenzialità per sviscerare le pulsioni e i desideri più nascosti dei nostri contemporanei, invece si rivela un film d’amore piccolo piccolo, che cocciutamente si avvinghia ai suoi protagonisti riempiendoli di attenzioni e dolcezza. Anche per questo non si riesce a odiarlo, risulta anzi simpatico nella sua leggerezza ed esilità, Keira Knightley inoltre si conferma attrice di valore, attenta a tutte le sfumature e in grado di modulare con sensibilità la propria recitazione a seconda delle situazioni.

cercasi amore per la fine del mondo4

Il cane che accompagna la coppia è un piccolo terrier di circa 5 anni di nome Aleister, salvato da un canile californiano nel 2008.

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Lunedì, 15.10.2018
T O P