In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

13 hours: the secret soldiers of Benghazi

Scritto da Jacopo Maletti   
Mercoledì 06 Aprile 2016 12:05

13 hoursTitolo originale: 13 hours: the secret soldiers of Benghazi

Regia: Michael Bay

Cast: John Krasinski, James Badge Dale, Max Martini

Musiche: Lorne Balfe

Produzione: USA 201613 hours1

Genere: Azione

Durata: 144 minuti

   Trailer

13 hours2

 

Regia:

Interpretazione:

Sceneggiatura:

Musica: 13 hours3

Giudizio:

 

Trama

La notte dell'11 settembre 2012, un commando terrorista assalta l'ambasciata americana in Libia nella città di Bengasi e un avamposto CIA segreto: muoiono l'ambasciatore americano e tre membri dello staff. Durante l'attacco intervengono i corpi speciali G.R.S degli Stati Uniti nel tentativo di salvare il funzionario e difendere l'avamposto.

Recensione

Michael Bay ritorna dopo due anni di assenza, senza però i suoi amati Transformers, per girare un film sull'eroismo e la retorica yankee nei paesi arabi, in questo caso nella Libia post Gheddafi. Nella pellicola non ci sono Marines o Rangers ma i G.R.S, mercenari ex forze speciali impiegati dalla CIA per difendere i propri agenti nelle zone a rischio. Bay non si smentisce proponendo esplosioni, riprese convulse e montaggio da ottovolante anche nei momenti di relativa tranquillità. Le criticità riguardano i fatti riportati nel film che, nonostante trasponga (o provi a farlo) una storia vera, si macchia di qualche falso storico nel tentativo di far luce essenzialmente sugli esecutori materiali della strage. Citando gli aspetti relativi al lato tecnico, si è di fronte al solito delirio, regia e montaggio talmente sfalsati da non riuscire quasi a distinguere i personaggi, il cui ruolo nella storia dovrebbe essere predominante al di là dell'azione nella quale si immergono. Ricapitolando, film iperattivo, ennesimo giocattolone di un regista tanto ardito da far diventare astronauti dei trivellatori.

13 hours4

Il soggetto è evinto dall'omonimo libro di Mitchell Zuckoff

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Lunedì, 15.10.2018
T O P