In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

La battaglia di Hacksaw Ridge

Scritto da Sofia Peroni   
Mercoledì 01 Febbraio 2017 21:15

la battaglia di hacksaw ridgeTitolo originale: Hacksaw Ridge

Regia: Mel Gibson

Cast: Andrew Garfield, Teresa Palmer, Vince Vaughn

Musiche: John Debney

Produzione: USA 2016la battaglia di hacksaw ridge1

Genere: Guerra

Durata: 131 minuti

Trailer

 

la battaglia di hacksaw ridge2

  Miglior montaggio John Gilbert,

sonoro Justin Angus, Kevin O'Connell, Andy Wright, Robert Mackenzie e Peter Grace

 

Regia:

Interpretazione: la battaglia di hacksaw ridge3

Sceneggiatura:

Musica:

Giudizio:

 

Trama

Ispirato a una storia vera, il film racconta l’eroica impresa di Desmond Doss (Andrew Garfield), primo obiettore di coscienza a ricevere una medaglia al valore ai tempi della Seconda Guerra Mondiale. Cresciuto secondo il credo degli avventisti del settimo giorno e ripudiando la violenza, il giovane ventitreenne Doss si arruola nell’esercito come soccorritore e inizia un lungo e travagliato addestramento, lontano dalla giovane fidanzata Dorothy (Teresa Palmer). Schernito dai compagni, Desmond mantiene ferree le sue idee e si rifiuta di toccare armi, attirando su di sé la collera e l’incredulità generale. Ottenendo, infine, di poter prendere parte al conflitto come soccorritore, Desmond parte con i suoi compagni alla volta del Giappone. Senza neppure usare un'arma, Doss salverà la vita a più di 75 soldati americani (e non) nella battaglia di Okinawa.

Recensione

Ipoteticamente diviso in due parti ma anche nei classici tre atti, il film descrive inizialmente la vita familiare tormentata e il passato segnato da sensi di colpa di Desmond. Giocando con il fratello, è quasi riuscito a ucciderlo colpendolo involontariamente alla testa. Fin da piccolo, dunque, il giovane ha a che fare con la violenza. Essa è insita nel sottopelle del padre, con una mano attorno alla bottiglia e l’altra alzata a incutere timore alla moglie. Così, in un processo di redenzione ed espiazione, Desmond si affida ciecamente alla fede degli avventisti del settimo giorno. Conosce una giovane infermiera, Dorothy, e le chiede la mano. Tuttavia, la Seconda Guerra Mondiale dilaga e scuote gli equilibri del suo futuro. Desmond sente la necessità di dover dare il suo contributo, così si arruola dopo suo fratello come soccorritore. Qui inizia ufficialmente il secondo atto, ma non la seconda parte. I compagni, presto a conoscenza del suo voto, lo isolano, maltrattano e abbandonano accusandolo di codardia e sapendo di non poter contare su di lui in battaglia. Dopo un travagliato processo che scuote la fede di Desmond, il ragazzo dimostra di essere irremovibile e di avere anche il diritto di servire il suo paese. Pur non toccando un'arma. Si apre il sipario sulla seconda parte, nonché sul terzo atto: la battaglia. Qui Gibson è grande: celebra un matrimonio estasiante tra immagine e musica. Il preludio, con la paura, l’esitazione e i tentennamenti è immerso in un silenzio assordante. Gli uomini si dispongono sul campo, sono uniti ed esitano. Poi esplode una prima bomba e così la musica: inizia il conflitto. La crudezza, l’asprezza e la durezza della guerra mettono i brividi, grazie anche al valido supporto del sonoro. Desmond si spoglia delle sue esitazioni e veste i panni dell’eroe, aiuta i feriti che chiamano il suo nome, tra proiettili e granate che volano nell’aria. Finché i giapponesi prendono il sopravvento e gli americani sono costretti a una ritirata, ordinando l’aiuto della marina. Desmond però sa di non potersi tirare indietro, in troppi sono dispersi e in attesa di un suo intervento. Resta nella notte e ingegna un metodo per salvare quanti più uomini può. Salva persino giapponesi e resta anche quando viene scoperto. Invoca il suo dio e, sapendo quanti soldati hanno bisogno di soccorso, chiede: “Aiutami a trovarne un altro”. Rifiuta la paura e indossa la sua corazza: la fede. Torna vittorioso dai suoi compagni e questa volta è visto come un simbolo di speranza e vittoria. Quest’ultima verrà infine conquistata, tentando una nuova offensiva in cui lo spirito guida il battaglione alla conquista di Hacksaw Ridge.

la battaglia di hacksaw ridge4

La battaglia di Hacksaw Ridge ha ricevuto sei nomination per gli Oscar 2017 e due sono diventate statuette

 

 

Copyright immagini: Eagle Pictures

 
© 2017 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Sabato, 18.11.2017
T O P