- Oggi al cinema

Rocketman

rocketman locandina

Titolo originale: Rocketman

Regia: Dexter Fletcher

Cast: Taron Egerton, Bryce Dallas Howard, Gemma Jones

Musiche: Matthew Margeson

Produzione: Gran Bretagna, 2019

Genere: Biografico

Durata: 121 minuti

paramount logo   Trailer

richard madden e taron egerton in rocketman  bryce dallas howard rocketman  taron egerton esibizione rocketman

Regia: stellastellastella

Interpretazione: stellastellastellastella

Sceneggiatura: stellastella

Musica: stellastellastellastella

Giudizio: stellastellastella

 

Trama

Il film racconta le vicende di Reginald Dwight, un timido e impacciato bambino dei sobborghi inglesi, dotato di un inaspettato talento per la musica, che  la madre e la nonna lo incoraggiano a coltivare. Malgrado le difficoltà familiari e il dolore causato da un padre assente e anaffettivo, il piccolo Reginald arriva ben presto al successo, diventando la superstar che tutti conoscono come Elton John (Taron Egerton).

Recensione

Fin dalle prime inquadrature, ci si rende conto che Rocketman è molto più di un semplice biopic: un portone si apre e lo schermo viene invaso da un’accecante luce bianca, in cui si comincia a intravedere la bizzarra figura di un diavolo alato. Man mano che la sagoma si avvicina, le fattezze da diavolo si rivelano essere soltanto un eccentrico costume di scena, carico di paillettes.

Così si apre il film, che segue poi il protagonista in una casa di cura, alla ricerca del vero se stesso dopo gli eccessi che hanno caratterizzato la sua vita fino a quel momento. Ma quando Elton comincia a raccontare la sua storia davanti a psicologi e pazienti, si vede davanti un bambino che lo fissa insistentemente: altri non è che il piccolo Reginald, che con canti e piroette catapulta lo spettatore nella casa in cui è cresciuto, dando il via a un lungo flashback.

Da subito, dunque, la pellicola rivela elementi visionari, abilmente miscelati con scene da musical, ma poco invasive e ben amalgamate nella trama. Coraggiosa e interessante è anche la scelta di utilizzare come canzoni i grandi successi della discografia di Elton John, riadattati per il film.

Di certo la componente musicale, dato il protagonista del film e il regista Dexter Fletcher, intervenuto nella direzione di Bohemian Rhapsody, è molto forte. Taron Egerton, che impersona Elton da adulto, non canta in playback ma usa la sua vera voce per cantare le cover delle canzoni, rivelando delle sorprendenti doti da cantante.

Non solo: la performance di Egerton è ineccepibile. Oltre a saper cogliere tutte le sfaccettature del suo personaggio, l’attore dà mostra di una grandissima presenza scenica e di una notevole capacità di lavorare con il corpo: qualità indispensabili per interpretare un personaggio “ingombrante” ed eccentrico come Elton John, noto per le sue esibizioni sopra le righe e i costumi sgargianti al limite dell’assurdo.

Nonostante la forte presenza del protagonista, anche i personaggi di contorno sono ineccepibili: dalla nonna, una delicata figuretta sullo sfondo,  totalmente devota alla famiglia e al nipote, all’avido manager privo di scrupoli fino al migliore amico e collaboratore Bernie, magistralmente interpretato da Jamie Bell.

Il rapporto fra Bernie ed Elton è uno dei punti cardine del film e con una descrizione che procede “per sottrazione” (paradossale, se si considera la ridondanza del film) racconta la storia di una grande amicizia, uno di quei legami rari, che si instaura con piccoli gesti e sguardi e che non sparisce malgrado gli ostacoli, i litigi, le diversità, perfino gli insulti.

Nonostante l’andamento narrativo prevedibile, che racconta gli esordi del cantante, la sua ascesa, la depressione e il declino, abbracciando lo stereotipo della star incapace di sopportare il peso di una fama repentina, il film conquista non solo per i contenuti, ma anche per la sua scintillante forma. La pellicola è un caleidoscopio di suoni, luci e colori, gestiti da un’ottima regia e accompagnati da una colonna sonora bella e coinvolgente.

Curiosità

taron egerton sing

La canzone originale “I’m Gonna” è stata creata appositamente per la pellicola, cantata in duetto da Elton John e dall’attore protagonista.

Giulia Losi

Giulia Losi

Giulia Losi è nata a Monza il 3 ottobre 1993. Ha frequentato l’Università degli Studi di Milano e si è laureata in Scienze dei Beni Culturali. Nel 2016 si è trasferita a Roma e ha frequentato la facoltà di Teatro, Cinema, Danza e Arti digitali alla Sapienza, dove ha conseguito la laurea specialistica. Grande appassionata di cinema, collabora attivamente con alcune testate cinematografiche, come Opere Prime e ha curato la rubrica radiofonica “Francamente me ne infischio” per Radio Base. Frequenta, inoltre, un corso di recitazione professionale.
Leggi tutti gli articoli di Giulia Losi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *