In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Il cavaliere oscuro - Il ritorno

Scritto da Samuele Pasquino   
Mercoledì 22 Agosto 2012 16:58

cavaliereTitolo originale: The dark knight rises

Regia: Christopher Nolan

Cast: Christian Bale, Tom Hardy, Anne Hathaway

Musiche: Hans Zimmer

Produzione: USA 2012cavaliere1

Genere: Fantastico

Durata: 164 minuti

   Trailer

cavaliere2

Regia:

Interpretazione:

Sceneggiatura:

Musica: cavaliere3

Giudizio:

 

Trama

Sono passati otto anni dalla morte del procuratore Harvey Dent, le strade di Gotham sono pulite e Bruce Wayne (Christian Bale) vive rintanato nella sua dimora come in un esilio autoimposto. Deve però tornare in azione nelle vesti di Batman quando il micidiale mercenario Bane (Tom Hardy) fa il suo ingresso in città, seminando morte e distruzione e minacciando di far esplodere una bomba nucleare. Lo scontro fra i due dà vita a una guerra fra polizia e criminali, nella quale si insinuano due donne misteriose, la ladra Selina Kyle (Anne Hathaway) e la ricca Miranda Tate (Marion Cotillard).

Recensione

Tutti lo stavano aspettando: l’ultimo epico capitolo della trilogia sull’eroe pipistrello della DC Comics è davvero l’occasione per Christopher Nolan di confermarsi cineasta perfezionista e incredibilmente creativo. La saga dunque culmina (forse) con l’essenza dell’azione fantastica, una storia fenomenale per la sua roboante capacità di stupire e catalizzare l’attenzione. La fedeltà al fumetto è manifesta, Nolan non svirgola, anzi segue pedissequamente i tracciati di un’immaginazione equilibrata, stoica ma affamata di moderne novità chiare, trasparenti, che non abbisognano di alcuna chiave di lettura. Senza filtro, il ritorno del cavaliere oscuro suscita emozioni quasi infantili tanto appaiono grandi il fascino del protagonista e la truce presenza della sua perfetta nemesi, Bane. Quest’ultimo personaggio, insieme all’innovativa Catwoman Selina, costituisce il fiore all’occhiello di quell’apparato antagonista che sfocia in progettualità ancestrale, epurata da ogni parentesi folle e carica persino di romanticismo atemporale. Il film palesa una solidità eccezionale in virtù di granitici punti fermi spazio – caratteriali: Gotham diviene il centro del mondo, metafora di una roccaforte chiamata a combattere crisi economiche (riferimenti espliciti alla borsa), sociali (l’isolamento della polizia e l’emergere della figura del tiranno) e politiche (prevalenza dell’anarchia estemporanea); nel ventre della metropoli agiscono i valori imperituri incarnati nelle figure di un onnipresente Gordon, del coraggioso agente Blake, del fedele Alfred e del saggio Lucius, luci che rendono l’oscurità in cui è immerso Batman un limbo dal quale è possibile uscire. La conflittualità accentuata fra l’eroe e il suo apparentemente invincibile opposto si origina dal trionfo della “maschera” come concetto simbolo di esistenze nascoste, legate a un destino anomalo e ribadito da scelte personali: Batman, Bane, Selina Kyle rappresentano sotto diverse accezioni le speranze di una collettività schiavizzata dalla società stessa, e in tale circostanza Bane prevale in quanto astrazione fisica dell’imposizione insurrezionale. Nolan lavora su uno script bilanciato ad arte, in grado di dare un senso profondo all’intera parabola costruita nel corso del trittico e rinnovare l’epico ciclo narrativo del protagonista, rileggendolo a partire da riferimenti contenutistici al “Batman Begins”, riferimenti che divengono fondamentali anche in chiave futura. Il regista chiama a raccolta un grande cast, che vede new entry farsi largo e inserirsi ad hoc nel sistema: Tom Hardy, il lottatore arrabbiato dell’ottimo “Warrior” (Gavin O’Connor, 2011), irrompe con energia insieme ad Anne Hathaway, interprete raffinata, Joseph Gordon Levitt e Marion Cotillard, già visti nel complesso “Inception” (2010). “Il cavaliere oscuro – Il ritorno”, sebbene ultimo atto di una trilogia elegante e memorabile, non fa promesse ma ammicca a un potenziale ulteriore capitolo, e a questo punto tutto può essere possibile.

cavaliere4

Per interpretare Bane, l'attore Tom Hardy è dovuto ingrassare di dieci chili

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Martedì, 16.10.2018
T O P