- Pubbliredazionali

Warmbaderhof: un hotel da sogno nella Carinzia del benessere

hotel warmbaderhof ingressoIn Austria esiste una fonte unica nel suo genere, un effluvio di naturale benessere che sgorga dalla dimensione sotterranea della Carinzia fino in superficie. Sopra l’idrico paradiso ipogeo, l’Hotel Warmbaderhof ha costruito cuore, anima e un organismo dinamico contraddistinto da ospitalità, eleganza e una storia lunga oltre due secoli.

Il piacere è un’entità trascendente che prende forma dal basso, si trasforma e affascina conciliandosi con la filosofia del Resort termale Warmbad-Villach, esteso su un’area complessiva di 130 ettari. I suoi punti di partenza:

  • un’oasi wellness
  • piscina direttamente sulla fonte termale Urquellbecken 25×15 m fondo ghiaia
  • temperatura dell’acqua oscillante fra i 25 e i 29.9 °C
  • ricambio di dieci milioni di litri d’acqua termale al giorno

Vi abbiamo incuriosito? Bene, poiché questa introduzione non è che una goccia di quello che stiamo per esporvi. Indi per cui immergetevi in un percorso di scoperta e stupore, di rivelazione, sorpresa e meraviglia. Riavvolgiamo la bobina e che il racconto inizi come i migliori spettacoli del fantasmagorico teatro. Silenzio, luci sul proscenio, sipario alzato!

Warmbaderhof, una struttura d’eccellenza

L’Hotel Warmbaderhof è situato a Villaco, località della Carinzia a ca. 20 minuti dal confine italiano di Tarvisio. L’interesse suscitato da questa struttura d’eccellenza scaturisce dalle rinomate terme di Warmbad-Villach, che qui trovano il proprio apogeo, l’epicentro, il climax assoluto incorniciato dalle imponenti montagne del comprensorio panoramico.

warmbaderhof hotelIl Warmbaderhof si presenta a tutti i cinque sensi del visitatore, cinque quante sono le stelle che determinano la sua insuperabile categoria di ricettività. Superbo alla vista, incanta l’olfatto con i suoi profumi non appena superata la soglia d’ingresso, delizia l’udito con le melodie della hall in sottofondo, il tatto tramite il tocco degli arredi lignei e, infine, il gusto solleticato dalle specialità tradizionali e gourmet. Romanticismo di classe allo stato puro!

Ci troviamo nel cosiddetto “hotel di lusso”, dove nulla viene lasciato al caso, nemmeno la sistemazione dei vasi e dei complementi d’arredo, rigorosamente curata nei minimi dettagli da uno staff estremamente meticoloso e puntuale. Chi viene a soggiornare qui sa esattamente cosa vuole: lasciarsi alle spalle lo stress quotidiano; godersi una vacanza all’insegna del relax fisico e mentale; coccolarsi, viziarsi, spingersi oltre l’ordinario; rinvigorire la propria salute; divertirsi e intrattenersi (non sono sinonimi n.d.r.).

Il viaggio del turista nell’esclusività del Warmbaderhof parte dal check-in. La reception, aperta 24h/7, garantisce assistenza per tutto il soggiorno assolvendo ogni tipo di esigenza e bisogno. Lo staff dell’hotel parla tedesco, inglese e italiano, eccezion fatta per gli addetti delle terme. Con loro, cari italiani, conviene masticare un po’ di british language.

Camere e suite

camera hotel warmbaderhofBuona parte dei vantaggi di soggiornare in un cinque stelle si riscontra nelle camere, 98 in totale con suite incluse (e 175 letti), molto più somiglianti a dei monolocali. Noi abbiamo soggiornato nella Camera doppia Studenza di 28 mq. Qui l’outfit d’arredo tende all’old style, che si rileva principalmente nell’uso della moquette e delle tende in stoffa, nel mobilio e nel divano con poltrona in velluto, abat-jours e lampada d’ottone, una scelta dettata dal desiderio di eleganza, raffinatezza senza particolari stravolgimenti moderni.

letto doppio warmbaderhofLa differenza si evince nei dettagli, quelli che distinguono ed esaltano la filosofia dell’accoglienza. La room, accessibile tramite scheda elettronica, è dotata di un wc separato dall’area bagno, guardaroba inclusivo di cassaforte, accappatoi, ciabatte e borsa asciugamani, salone con tavolino, ampia scrivania, due televisori a schermo piatto 42”, frigo bar e letto a due piazze.

Il bagno consta un vasto set per cura e igiene personale, vasca e doccia, doppio lavello e persino una serpentina scaldasciugamani. La camera, con lunga balconata, ha un proprio sistema d’aria condizionata e riscaldamento regolabile.

A seconda della tipologia di alloggio variano disposizione dei mobili, gestione dello spazio, metratura della superficie e optionals:

  • Ludwig-Walter-Suite: per 4 persone, 70 mq
  • Park-Suite Belenus: 3 persone, 57 mq
  • Junior Suite Lotus: 3 persone, 44 mq
  • Junior Suite Parkallee: 3 persone, 36 mq
  • Junior-Suite Walterhof: 4 persone, 38 mq
  • Camera doppia Lotus: 2 persone, 28 mq
  • Camera doppia Parkallee: 2 persone, 28 mq
  • Camera doppia Belenus: 2 persone, 34 mq
  • Camera doppia Römerquelle: 4 persone, 34 mq
  • Camera doppia Urquelle: 3 persone, 28 mq
  • Camera doppia Maibachi: 2 persone, 26 mq
  • Camera singola Studenza: 1 persona, 24 mq
  • Camera singola Maibachi: 1 persona, 20 mq

Già così ci si sente rampanti uomini d’affari o divi del cinema – tipo Richard Gere nel celeberrimo Pretty Woman, giusto per rendere l’idea – ma percorrere i corridoi del Warmbaderhof offre una sensazione unica di pienezza e sfarzo, di opportunità e prospettive che solo i grandi spazi possono regalare.

Parklounge, Das Kleine Restaurant e Cafe Konditorei

ristorante warmbaderhofL’hotel sfoggia bellissimi saloni, una zona day-night pubblica per un cocktail in compagnia nel Parklounge (aperto tutti i giorni fino alle 23.00) e un giardino d’inverno dove consumare pranzi e cene in assoluta intimità. Nell’area somministrazione si consumano la colazione internazionale a buffet davvero per tutti i gusti (dal salato al dolce, la scelta ha dell’imbarazzante per quanto estesa, e inoltre sono numerosissime le opzioni legate a infusi, tisane, erbe e bevande) e i pasti principali.

cafe konditorei warmbadIl ristorante Das Kleine Restaurant, coordinato dallo chef Jürgen Perlinger, vanta ben tre cappelli Gault Millau, due forchette Falstaff e 79 punti attribuiti dalla guida gastronomica À la Carte. A questi pindarici voli gourmet si aggiungono i dolci sogni prodotti dalla pasticceria Cafe Konditorei, insignita del premio Chicco d’Oro e – udite udite – considerata la terza migliore pasticceria d’Austria. Pensate che ogni giorno vengono preparate in media dalle 400 alle 600 torte.

Le terme di Warmbad-Villach

vibe spaIl complesso termale – raggiungibile in accappatoio e ciabatte direttamente dalla propria camera sfruttando i passaggi interni – rappresenta sicuramente il maggior punto di forza del Warmbaderhof e richiede indubbiamente un discorso a parte. L’hotel mette a disposizione degli ospiti la VIBE Spa, un eden di 1.800 mq + prato prendisole di 3.050 mq che sintetizza alla perfezione il concetto di wellness.

idromassaggio vibe spaAlla piscina climatizzata (32°C), alla vasca esterna di 200 mq (30°C) e al marmoreo idromassaggio temporizzato (34°C) fanno seguito le saune a vari gradi di umidità (finlandese, laconium e cabina a infrarossi), una grotta di sale e un bagno turco aromatico molto raccolto con erogatore di perline di ghiaccio. Trait d’union la sala relax per un leggero ristoro e le aree dedicate ai massaggi fisioterapici e distensivi, alla salute e alla cosmesi, ovverosia la VIBE Therapy e la VIBE Beauty.

La piscina Thermal-Urquellbecken

piscina termaleFiore all’occhiello la piscina Thermal-Urquellbecken, costruita sopra la fonte termale caratterizzata da un’acqua dura (per questo si consiglia una permanenza di non più di 15 minuti onde evitare cali pressori fisiologici) la cui temperatura varia fra i 25 e i 29.9°C rinnovandosi ogni 3 ore. Benefica è poi la vasca all’ozono, 32°C di caloroso abbraccio liquido.

Gli effetti curativi delle 5 sorgenti del massiccio del Dobratsch hanno del portentoso in quanto risorsa idrica di tipo acratico termale, calcio-magnesiaca con arricchimento di idrogencarbonato. Parliamo di milioni di litri d’acqua termale che sgorgano qui in Carinzia, in un luogo di villeggiatura – Villaco – scoperto dagli antichi Romani oltre 2.000 anni fa e dai Celti ancora prima. I conquistatori latini dedicarono al tempo una stele votiva a Vibe, dea delle fonti.

Le KärntenTherme

kaernten thermeAlla VIBE Spa (utilizzabile soltanto dagli ospiti dell’hotel) si uniscono le enormi KärntenTherme, 11.000 mq a fruizione pubblica (capacità 2.000 ospiti al giorno) occupati da una vasca sportiva di 25 metri, due piscine (interna ed esterna), lettini idromassaggio, scivolo kid Crazy River, area saune dove poter accedere anche completamente nudi, Spa di 2.000 mq e sala fitness di 700 mq.

Il Warmbaderhof è un hotel polifunzionale, mirato a offrire non solo un soggiorno confortevole e agiato ma parimenti dei programmi studiati per il benessere, la salute e la fisioterapia riabilitativa. kaernten thermeTerapie concepite da un’equipe di medici, psicologi, dietologi, massaggiatori personal trainer ed estetisti per intervenire su:

  • sistema muscolare e scheletrico
  • stress
  • patologie derivanti da cattive abitudini
  • qualità del sonno
  • equilibrio fisico e mentale

Le KärntenTherme rappresentano il nucleo di un organizzatissimo sistema agglomerato fatto di elementi in grado di esprimersi singolarmente oppure in coesione.

Sono essi, insieme al Warmbaderhof:

  1. Thermenhotel Karawankenhof: 89 camere, 10 appartamenti, 224 letti;
  2. ThermenParkHotel Josefinenhof: 63 camere, 100 letti;
  3. Kurzentrum Therme Warmbad: ambulatorio che svolge ca. 250 trattamenti terapici al giorno;
  4. Istituto speciale di riabilitazione Thermenhof: 209 camere, 239 letti;
  5. Istituto speciale di Ortopedia: 1.200 interventi operativi all’anno.

Gli scenari idilliaci e fuori dal mondo di Youth – La giovinezza, diretto da Paolo Sorrentino nel 2015 e con Michael Caine, Harvey Keitel e Rachel Weisz, sembrano cristallizzare, prendere forma e trasporsi nella realtà da cui possiamo veramente trarre piacere.

Le attività

Il benessere termale costituisce solo una componente, seppur importante, dell’offerta del Warmbaderhof, circondato dall’ampio parco di Warmbad con i suoi venti ettari di prati verdi, boschi e persino una cappella privata. Le corroboranti passeggiate lungo 50 km di sentieri che si inoltrano tra alberi e manti erbosi sono quanto di meglio possa risvegliare muscoli e umore.

passeggiata nel warmbad parkSeguendo il percorso si passa dal prato di Napoleone, una radura così chiamata perché nel 1797 il condottiero francese vi transitò con 40.000 soldati sostando al passo per due mesi.

Fitto il caleidoscopio di attività outdoor e impianti sportivi dove praticare tennis (i dieci campi da gioco in terra battuta all’aperto e i tre al coperto della Tennis Academy presso lo Sportpark Warmbad) e golf insieme al pro master Gary Foster. Sappiate che in genere gli Austriaci si tengono molto in forma e amano curare il fisico, quindi seguire l’esempio è consigliato.

Avete la possibilità di fare nordic-walking, oppure il Flexwalk con gli elastici e, ancora, lo Smoovey in mezzo alla natura. Ad assistervi fisioterapisti qualificati come l’italiano Andrea Manetti. Prenotabili escursioni a piedi nell’hinterland o in e-bike.

La storia del Warmbaderhof

L’Hotel Warmbaderhof nasce e si sviluppa all’insegna di un’unica secolare gestione, quella di una famiglia che ne detiene la proprietà da più di 200 anni. Nel XIX secolo Ludwig Walter fondò il primigenio nucleo ricettivo, il Walterhof, il quale ha saputo evolversi mentre le generazioni si susseguivano nel tempo.

Frequentato in origine dal re di Sassonia e dagli entourage di corte, l’hotel divenne enormemente famoso per la sua acqua purificante e i suoi servizi di gran lunga superiori agli usuali standard internazionali. Portarono avanti la tradizione Alfred e Gert Tschamer fino agli anni ’60, quando le sorelle Helga e Gerda coordinarono ampliamento e rimodernamento della struttura.

Oggi la stazione termale di Warmbad-Villach s’impone come uno dei più rinomati centri di cura e villeggiatura di tutta l’Austria.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *