- Horror, Recensioni

28 giorni dopo

28 giorni dopo posterTitolo originale: 28 days later

Regia: Danny Boyle

Cast: Cillian Murphy, Brendan Gleeson, Christopher Eccleston

Musiche: John Murphy

Produzione: Gran Bretagna 2002

Genere: Horror

Durata: 112 minuti

fox searchlight pictures logo   Trailer

cillian murphy 28 giorni dopo  brendan gleeson e cillian murphy 28 giorni dopo  zombie 28 giorni dopo

 

Regia: stellastellastella

Interpretazione: stellastellastella

Sceneggiatura: stellastella

Musica: stellastellastella

Giudizio: stellastella

 

Trama

28 giorni dopo lo scoppio di una strana epidemia diffusa da scimmie liberate da un laboratorio, il giovane Jim (Cillian Murphy) si risveglia in un letto d’ospedale e completamente solo. Uscito dalla struttura, si ritrova in una Londra deserta e spettrale, improvvisamente costretto a fuggire da zombies inferociti. Insieme a un piccolo gruppo di sopravvissuti, tenta di raggiungere una roccaforte dove gli esseri umani sembrano non essere stati infettati.

Recensione

Dopo essersi lungamente dedicato agli eccessi dell’individuo e alla sua ribellione a una società troppo “stretta”, Danny Boyle si misura con un genere apparentemente antitetico al suo modo di fare cinema, l’horror: 28 giorni dopo ha, però, nuovamente a che vedere con il libero arbitrio dell’essere umano e le molteplici sfaccettature che intercorrono nell’esistenza dell’elemento sociale.

In un contesto fortemente marcato da una matrice di stampo apocalittico, Boyle dissemina ovunque indizi controversi e atti di tacita sovversione allo status quo instaurato in ambiti storici e globali: non è un caso, ad esempio, che il primo non-morto incontrato (e definitivamente ucciso) dal protagonista sia un prete, o che il pericolo maggiore provenga in seguito da una banda di militari fanatici e anarchici.

L’opera va letta secondo una prospettiva ben lontana da quella necessaria a interfacciarsi con il filone orrorifico inaugurato e portato avanti dal maestro George A. Romero, molto più incline alla totalitarietà che alla peculiarità degli eventi.

Tutti i vari simbolismi e le estremizzazioni presenti nella pellicola permangono nella loro più efficace rappresentazione, facendo però storia a sé e abbandonando pian piano una filosofia che Boyle non riesce a tenere compatta, sfilacciandola secondo un montaggio talvolta asimmetrico e una fotografia esageratamente fredda.

Come già verificatosi ne La notte dei morti viventi (e nel remake di Tom Savini), anche in 28 giorni dopo si preferisce non dare adito a teorie razziste e xenofobe, affiancando al protagonista una giovane ragazza di colore. Contenitore interessante ma privo di magnetismo e spunti originali, pavidamente abbottonato, condannato a un finale afono, preludio di un sequel.

Curiosità

cillian murphy

Al termine dei titoli di coda c’è un finale alternativo.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *