In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

La dolce vita

Scritto da Samuele Pasquino   
Venerdì 06 Gennaio 2012 17:26

vitaTitolo originale: La dolce vita

Regia: Federico Fellini

Cast: Marcello Mastroianni, Anita Ekberg, Alain Cuny

Musiche: Nino Rota

Produzione: Italia 1960 vita1

Genere: Drammatico

Durata: 170 minuti

Cineriz

 

vita2

 

  Migliori costumi Piero Gherardi

vita3

Regia: 

Interpretazione: 

Sceneggiatura: 

Musica: 

Giudizio: 

 

Trama

Marcello (Marcello Mastroianni) è un giornalista che frequenta la borghesia romana, passando le sue serate fra locali e case di aristocratici. Ma la vita mondana non lo soddisfa, il suo mestiere non gli piace. Incontra la diva del cinema Sylvia (Anita Ekberg), è amico dell’intellettuale Steiner e fugge da una compagna possessiva. Una mattina vede un mostro marino sulla spiaggia e ignora una ragazza che lo chiama.

Recensione

Siamo al cospetto di uno dei grandi capolavori di Federico Fellini, conosciuto all’epoca in tutto il mondo. Si tratta di un caposaldo della storia del cinema, un esempio di maestria registica e di inquadrature eleganti, rese al meglio da un bianco e nero assolutamente affascinante, adatto a descrivere le varie situazioni che contraddistinguono la mondanità romana, caratterizzata dal lusso e dalla noia. I personaggi che Marcello incontra sono borghesi cinici che cercano di divertirsi, destreggiandosi fra giochetti e insolite abitudini, partecipando a feste e intrattenimenti, in un limbo di solitudine, angoscia e tristezza. I divi sono sempre seguiti da fotografi a caccia di scoop; in questo senso Fellini offre un fedele ritratto dei moderni paparazzi, ombre delle celebrità e uomini con assai pochi scrupoli. Ogni evento nel film sembra fare notizia, dall’arrivo dell’attrice Sylvia, interpretata dalla giunonica e bella Anita Ekberg, protagonista di un ballo solitario nella fontana di Trevi, alla presunta apparizione della Madonna in un quartiere povero. L’assalto mediatico pervade quindi ogni cosa, tuttavia Marcello mantiene ancora una sua etica professionale, spesso non si comporta da giornalista ma assiste semplicemente, sospeso fra un desiderio di fuga e una propensione alla piena affermazione. Molti episodi lo faranno riflettere, la visita del padre e la sua partenza improvvisa lo distoglieranno momentaneamente dai suoi impegni, ma alla fine si rassegnerà e non lascerà quel mondo ricco e frivolo, popolato da gente intenta a pavoneggiarsi e a cercare una felicità che in realtà si rivelerà per loro solo un’illusione.

vita9

 

La maggior parte delle classifiche stilate in tutto il mondo vedono La dolce vita tra i cento film più belli di sempre

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Giovedì, 19.07.2018
T O P