In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Blue Valentine

Scritto da Francesca Polici   
Lunedì 11 Febbraio 2013 22:20

blue valentineTitolo originale: Blue Valentine

Regia: Derek Cianfrance

Cast: Ryan Gosling, Michelle Williams, Mike Vogel

Musiche: Grizzly Bear

Produzione: USA 2010blue valentine1

Genere: Drammatico

Durata: 112 minuti

Trailer

 

blue valentine2

 

Regia:

Interpretazione:

Sceneggiatura:

Musica: blue valentine3

Giudizio:

 

Trama

Cindy (Michelle Williams) e Dean (Ryan Gosling) si conoscono da giovani casualmente e finiscono per innamorarsi. Ben presto decidono di sposarsi e insieme metteranno al mondo Frankie, una bimba estremamente bella e sensibile. Ma il loro felice matrimonio verrà intaccato da una difficile crisi.

Recensione

Incontrarsi per poi smarrirsi, perdersi per poi riunirsi di nuovo. Un continuo ritrovarsi, in cui ogni volta si è sempre più annichiliti, più inetti, totalmente incapaci di accettare una realtà che suggerisce la fine di un amore. Quell'amore straordinario e travolgente che ha cambiato radicalmente due vite che credevano di non appartenersi. Un amore nato per caso, ma tanto passionale come solo può esserlo nella giovinezza. E pur di non vedere la morte di questo sentimento si resta insieme, per inerzia, e perché l'idea di una separazione non è mai stata immaginata neanche lontanamente. E tutto ciò che all'inizio faceva emozionare, ora fa rabbrividire. Litigi, lacrime, esasperazione. Un amore che muta in odio, lentamente, giorno dopo giorno, logorando i protagonisti del melodramma. Eppure coloro che oggi celebrano il funerale del loro sodalizio, in un tempo non così remoto ne celebravano la nascita. E ci si interroga allora su come si possa essere arrivati a tanto. Come può un sentimento così idilliaco trasformarsi nel suo opposto? Come ci si arriva a odiare dopo che ci si è tanto amati? Domande che sono destinate a non ricevere alcuna risposta. Quei punti interrogativi rimarranno sempre tali. Forse perché la vita è così. È la storia più antica del mondo: un amore nasce, cresce e poi muore. Finisce per sempre, spazzato via da un uragano che non lascia niente dietro di sé. Chi era complementare per l'altro in un certo periodo della vita, non è detto che lo sarà per sempre. Le persone crescono, cambiano. Altre rimangono invece per tutta la vita esattamente al punto di partenza, ignare dell'esistenza di una vita più emozionante. E inermi restano lì, accontentandosi delle piccole gioie quotidiane. Ma ciò che sono gioie per uno, possono essere paralisi per l'altro. E così, incapaci di comunicare, si arriva a non comprendersi, e il dramma vedrà la sua fine solo con l'uscita di scena di uno dei due protagonisti. È questa la storia di Cindy e Dean, il cui amore non può essere salvato nemmeno dalla loro splendida figlia Frankie che, inconsapevole delle difficili dinamiche dei rapporti umani, di fronte all'uscita di scena del padre non le resta che piangere. Un film che non ha la pretesa di coinvolgere ed emozionare il pubblico a tutti i costi, con banali espedienti filmici, ma che proprio per questo sconvolge lo spettatore, che si ritrova di fronte al grande schermo aspettando sempre il climax della pellicola. Un momento che non arriverà mai, perché Derek Cianfrance accarezza e scruta da vicino i sentimenti e le emozioni dei protagonisti senza però invaderli, lasciando loro l'arduo compito di raccontarsi. Compito che le due grandi star riescono ad assolvere pienamente grazie a una perfetta interpretazione, che dona verosomiglianza alla storia rendendola così universale. Un racconto che alterna passato e presente, utilizzando una tecnica narrativa che vede l'uso del 16 mm per il primo e un digitale ad alta definizione per il secondo, con inquadrature “sporche”, girate con macchina a mano. Con "Blue Valentine" Cianfrance conquista pubblico e critica. Un esordio che non delude.

valentine4

Il film ha concorso al Sundance Film Festival e al 63imo Festival di Cannes

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Lunedì, 24.09.2018
T O P