In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Ex machina

Scritto da Danilo Campanella   
Lunedì 10 Agosto 2015 15:25

ex machinaTitolo originale: Ex Machina

Regia: Alex Garland

Cast: Domhnall Gleeson, Oscar Isaac, Alicia Vikander

Musiche: Geoff Barrow

Produzione: USA 2015ex machina1

Genere: Fantascienza

Durata: 108 minuti

   Trailer

 

ex machina2

   Migliori effetti speciali Mark Williams Ardington, Sara Bennett,

Paul Norris e Andrew Whitehurst

 

ex machina3Regia:

Interpretazione:

Sceneggiatura:

Musica:

Giudizio:

 

Trama

Il neo regista Alex Garland ci fa trasportare in elicottero su un’isola di proprietà del giovane miliardario di turno, Nathan Bateman (Oscar Isaac), amante della palestra e della birra. Un po’ eccentrico, ma un genio: costruisce la piu’ avanzata intelligenza artificiale nel corpo di una bellissima androide, Ava (Alicia Vikander). L’automa ha bisogno di essere collaudato, per questo viene chiamato il giovane e brillante programmatore Caleb Smith (Domhnall Gleeson), che però si invaghirà di Ava e, con l’aiuto di un’altra androide, Kyoko (Sonoya Mizuno), cercherà di farla fuggire dalle grinfie di Nathan, sul quale conoscerà scabrosi progetti.

Recensione

Con un titolo mutuato dalla filosofia, il film é un interessante esempio di dramma fantascientifico. Al di là della sceneggiatura semplice, ma non scontata, il regista e sceneggiatore Alex Garland si propone come il deus ex machina di una bella pellicola, che promette un seguito altrettanto interessante. Il film non vuole soltanto essere un’altra versione dei passati e celebri esperimenti cinematografici sull’intelligenza artificiale come Io Robot o AI, ma costruisce delle psicologie sui personaggi complete e intriganti: il boss Nathan Bateman si mostra come la «fusione» tra il genio di Mozart, Steve Jobs e l’imponenza di Leonida, facendo al contempo trasparire la propria insicurezza, volgarità e presunzione, impegnato per lo più a ubriacarsi, sollevare pesi nella palestra privata e fare sesso con Kyoko, giustificandolo con l'asserzione «hanno una fessura in mezzo alle gambe, puoi usarla; godrai e godranno anche loro». Il suo programmatore, che dovrebbe testare Ava, si ritrova anch’egli a essere testato, ma riuscirà ad aggirare il problema grazie alla propria sensibilità, che gli sarà ben più utile dell’intelligenza.

ex machina4

Dopo una carriera da sceneggiatore, Alex Garland debutta ufficialmente nelle vesti di regista

 

 

Copyright © 2015 xister pressplay

 
© 2017 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Giovedì, 29.06.2017
T O P