In Esclusiva ! ! !

giovani creativi e produzioni recencinema

cinema ergo sum - l'editoriale di samuele pasquino logo ritratti d'autore

Questo sito utilizza immagini come utente non esclusivo e i diritti rimangono delle rispettive case di produzione e distribuzione cinematografiche.

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini espressi nella Privacy e Cookie policy del sito. Grazie

Escobar

Scritto da Serena Sportelli   
Martedì 16 Dicembre 2014 17:23

escobarTitolo originale: Escobar - Paradise lost

Regia: Andrea Di Stefano

Cast: Benicio Del Toro, Josh Hutcherson, Claudia Traisac

Musiche: Max Richter

Produzione: Francia, Spagna, Belgio 2014escobar1

Genere: Gangster Movie

Durata: 120 minuti

Trailer

 

escobar2

Regia:

Interpretazione:

Sceneggiatura:

Musica: escobar3

Giudizio:

 

Trama

Nick (Josh Hutcherson), giovane surfista americano, incontra Maria (Claudia Traisac), la donna dei suoi sogni, ma non può immaginare chi è suo zio, il celebre narcotrafficante Pablo Escobar (Benicio Del Toro).

Recensione

Escobar è la storia della sconvolgente disavventura di Nick dietro le quinte del mondo del traffico di droga in Colombia. L'opera prima di Andrea Di Stefano si muove tra le tipiche gerarchie del crimine organizzato, ma colpisce con la trasformazione del suo innocente protagonista, da outsider a terrorizzato nipote devoto di cui Hutcherson si rivela essere il volto giusto. La tragedia che si fa strada ha i connotati del thriller ma anche la vena ancestrale del rapporto di complicità tra padre e figlio. Benicio Del Toro, già carismatico Che Guevara nel dittico Che diretto nel 2008 da Steven Soderbergh, indossa i panni di un'altra icona latinoamericana risultando come sempre il perfetto lupo cattivo della storia. Un film solido dalla forza narrativa degna dei grandi film americani, senza sbavature e buchi di sceneggiatura, con una regia calibrata e per nulla scontata. Due ore di visione che inchiodano alla poltrona dall'inizio alla fine con i personaggi che si muovono sudati e sporchi in un contesto altrettanto sudicio, pieno di raggiri, misteri e pericoli. Da lodare la catartica colonna sonora ad opera del compositore tedesco Max Richter.

escobar4

Benicio Del Toro ha dichiarato alla stampa: "Dei miei tanti cattivi, questo è il più crudele"

 
© 2018 Recencinema.it - Dove il cinema è cultura Designed by Serena Dolgetta
Sabato, 21.07.2018
T O P