- Biografico, Recensioni

A beautiful mind

a beautiful mind locandinaTitolo originale: A beautiful mind

Regia: Ron Howard

Cast: Russell Crowe, Jennifer Connelly, Paul Bettany, Ed Harris

Musiche: James Horner

Produzione: USA 2001

Genere: Biografico

Durata: 140 minuti

dreamworks pictures logo   Trailer

 

john nash  crowe e connelly  compagni di viaggio

premio oscarpremio oscarpremio oscarpremio oscar   Miglior film, regia Ron Howard, attrice non protagonista Jennifer Connelly, sceneggiatura non originale Akiva Goldsman

 

Regia: stellastellastellastellastella

Interpretazione: stellastellastellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastellastellastella

Musica: stellastellastellastellastella

Giudizio: stellastellastellastellastella

 

Trama

Si racconta la vita del celebre matematico John Nash (Russell Crowe), dall’arrivo all’università di Princeton alla cerimonia che lo vide insignito del premio Nobel per l’economia.

Recensione

Racconto biografico diretto alla perfezione dal regista Ron Howard, affermato artista il cui ruolo di Ricky Cunningham in Happy Days rimane un simpatico ma lontano ricordo. Qui fa sfoggio di tutta la propria abilità acquisita con gli anni per tracciare e approfondire il ritratto di un autentico genio, quel John Nash che rivoluzionò con le sue fondamentali teorie l’intera economia mondiale. In pochi, però, conoscevano il suo lato oscuro, le gravi schizofrenie che lo colpirono fin dalla giovane età.

Nel film tale patologia assume le forme più diverse, costituite da persone che in realtà esistono soltanto nella sua mente. A Russell Crowe il compito di dare volto e movenze a una delle menti più brillanti e travagliate del nostro tempo. Jennifer Connelly si è meritata l’Oscar con il ruolo della moglie di Nash, una donna forte, determinata, in grado di sostenere il marito nonostante le difficoltà e i moltissimi momenti di sconforto.

I numeri rappresentano tutto il mondo del protagonista, la chiave di lettura per ogni cosa, quasi un’ossessione sempre presente, persino nei sentimenti più profondi. Lo accompagnano delle allucinazioni che in un primo tempo compensano la sua solitudine, ma poi si radicano in lui senza posa, portandolo a un accenno di follia che egli dovrà saper combattere e vincere non solo con la forza della mente, ma soprattutto con il cuore.

Il premio Nobel suggella una vita che sembra un romanzo, perchè il John Nash che scrive le sue formule sulle finestre è un uomo dedito al lavoro, sognatore di gloria, che vuole approdare a quel finale momento, quell’epilogo in cui gli sforzi e le sofferenze, nonchè l’amore di sua moglie, vengono riconosciuti e immortalati.

La musica diviene espressione sonora della sua genialità, enfasi del dramma vissuto, una stupenda melodia che commuove ed esalta le incredibili capacità umane.

Curiosità

john nash a lezione

La colonna sonora si apre con A kaleidoscope of Mathematics ed è realizzata da James Horner.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *