- Fantastico, Recensioni

Avengers: Infinity War

avengers: infinity war locandinaTitolo originale: Avengers: Infinity War

Regia: Anthony e Joe Russo

Cast: Chris Hemsworth, Chris Evans, Robert Downey Jr., Scarlett Johansson

Musiche: Alan Silvestri

Produzione: USA 2018

Genere: Fantastico

Durata: 149 minuti

logo marvel   Trailer

thanos  doctor strange, tony stark e bruce banner  captain america e black panther

Regia: stellastellastellastella

Interpretazione: stellastellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastellastella

Musica: stellastellastellastella

Giudizio: stellastellastellastella

 

Trama

Divisi dopo Civil War, gli Avengers devono unire le forze contro la minaccia intergalattica del titano pazzo Thanos e del suo Ordine Nero. Thanos progetta, infatti, di riunire le Gemme dell’Infinito nel suo Guanto e di controllare, così, l’intera Galassia. Per fermare la minaccia più grande di sempre verranno in soccorso ai nostri eroi anche i Guardiani e gli Stregoni Supremi.

Recensione

Terzo adrenalinico capitolo della saga dei Vendicatori, Infinity War è il diciannovesimo film della casa dei sogni Marvel. Dopo aver disseminato lungo i precedenti indizi e presagi della fine, accennando e persino mostrando le famigerate Gemme dell’Infinito, finalmente ci ritroviamo faccia a faccia con il Titano Pazzo.

Brandendo il guanto che può racchiuderle tutte e scatenarne la potenza, il super cattivo sguinzaglia il suo fedele Ordine Nero alla volta della ricerca di esse in tutta la galassia. Si creeranno, così, coalizioni inaspettate e altre desiderate da molto tempo, che coinvolgeranno tutti gli Avengers, i Guardiani della Galassia, Doctor Strange e, l’ultimo acquisto e successo al botteghino Black Panther.

Insieme, formeranno più fronti di combattimento decretando aperta la lotta contro Thanos in una disperata resistenza. Pellicola che sfoggia spettacolari effetti visivi e grafici, come sempre a casa Marvel lo stupore del fan è la prima meta da raggiungere. Certamente Infinity War risulta un film ben riuscito, in un sottile equilibrio tra densi momenti emotivi ed esilaranti scene.

La regia firmata dai fratelli Russo è, al solito, garanzia di qualità e risulta abile nel destreggiarsi tra i vari personaggi ma non molto fra le loro linee narrative. Infatti, l’alto numero di queste ultime evoca un senso di sballottamento, seduti in sala e catapultati da un pianeta a un altro.

A volte si ha la percezione che certe questioni siano sbrigate più frettolosamente di altre, quasi per favorire le maggiori storylines: quella di Thanos e quella di Thor. Come precedentemente affermato dai Marvel Studios, questi due, insieme a Gamora (Zoe Saldana), avrebbero il maggior tempo sullo schermo rispetto a tutti gli altri.

Parlando di Thanos, è fondamentale elogiare l’abile ritratto fornito da Josh Brolin per questo villain. L’attore, presto di nuovo sul grande schermo per interpretare Cable in Deadpool 2, ha lavorato interamente con il CGI, con la stessa tecnica usata per l’Hulk di Mark Ruffalo. Mentre rimane un’aura di curiosità attorno al cattivo degli X-Men, Thanos risulta un super villain quasi perfetto.

Spietato, spaventoso, ostinato e nutrito dalla furia cieca di veder realizzati i suoi piani, il Titano Pazzo è mosso anche da un profondo animo che impareremo a scoprire nel corso del film. Il suo lato umano lo rende anche più pericoloso di tutti i cattivi mai visti: conosce bene il prezzo da pagare e non permetterà a niente e nessuno di fermarlo.

I risvolti della vicenda scuoteranno definitivamente le linee delle storie Marvel fino a ora tracciate. Le spazzeranno completamente via e niente sarà più lo stesso.

Curiosità

iron mn e i guardiani della galassia

Il film è stato girato in formato IMAX per consentire una visione più realistica della storia.

Sofia Peroni

Sofia Peroni

Classe 1996, marchigiana d’origine, studia comunicazione a Roma e ha trovato il modo di coniugare la passione per il cinema e quella per la scrittura... Come? Scrivendo sul e per il cinema dal 2015. Ha all'attivo diverse esperienze sul set, con registi del calibro di Matteo Garrone, e sogna un giorno di veder realizzato il suo film.
Leggi tutti gli articoli di Sofia Peroni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *