- Commedia, Recensioni

Bed & Breakfast – Love is a happy accident

b&b love is an happy accidentTitolo originale: Bed & Breakfast – Love is a happy accident

Regia: Marcio Garcia

Sceneggiatura: Leland Douglas

Cast: Dean Cain, Juliana Paes, Eric Roberts

Musiche: John Hunter, Dennis Smith

Produzione: USA 2010

Genere: Commedia

Durata: 93 minuti

Trailer

dean cain  love is a happy accident  dean cain scene

 

Regia: stellastella

Interpretazione: stellastellastella

Sceneggiatura: stellastella

Musica: stellastellastella

Giudizio: stellastella

 

Trama

Dopo il divorzio da una famosa attrice, Jake (Dean Cain) decide di aprire un bed and breakfast a Webster, una cittadina californiana. Il giovane non sa che la proprietaria della casa, lasciatagli in eredità dalla vecchia amica Florence, è della nipote brasiliana Ana (Juliana Paes). Nel teatro della romantica regione dei vini, i due saranno protagonisti di una divertente commedia degli equivoci.

Recensione

Come suggerisce il titolo, Bed & Breakfast – Love is a happy accident, l’amore è una coincidenza fortuita. Una serendipità, racconteranno i due protagonisti Jake e Ana, che può incastrare tutti i tasselli del destino solo in un luogo speciale, per esempio un b&b. Con una regia lineare, che solo raramente si lascia andare a qualche effetto comico, Marcio Garcia racconta l’amore di pari passo con la casa nel quale è ospitato.

Dopo il divorzio con la moglie, famosa attrice hollywoodiana, Jake difatti chiama l’attività che desidera aprire, grazie all’eredità della vecchia amica Flo, “La casa del Giacinto”, in onore del fiore preferito della sua fiamma ormai spenta. Il bed and breakfast, sebbene abbia una facciata bianca, molto accogliente, un giardino curato e familiare, è però incompleto. In qualche modo riflette il cuore spezzato del suo proprietario che, con l’aiuto del fratello sceriffo Pete e della cameriera Maria, sta cercando di rimettere in sesto.

Come avviene agli animi nelle migliori storie romantiche però, anche la mobilia, le tende e le camere della struttura ricettiva subiscono un rinnovamento in modo inaspettato. Per destino o per serendipità, è proprio il bed and breakfast ad attirare Ana, supervisore di un centro commerciale brasiliano in California.

Mentre la terra di Rio de Janeiro ci viene presentata come una spiaggia ingombra, non troppo dissimile dagli scaffali zeppi di merci del posto di lavoro della giovane, dove i problemi e i debiti si sommano senza tregua, la piccola Webster è un luogo tranquillo. Le montagne e le vigne la fanno da padrone nelle parole dei protagonisti e sulle statali deserte, dove si scorge solo qualche pick up sgangherato ogni tanto. Per le strade tutti si conoscono e si salutano, nei negozietti si respira aria di casa e si comprano spesso piccoli arredi artigianali.

Anche il bed and breakfast di Jake è immerso in questa atmosfera semplice e amorevole, tanto da attirare quasi come una calamita una serie di coppie bizzarre, tutte diverse tra loro. Dai giapponesi in luna di miele che cercano luoghi dove godersi l’intimità, ai coniugi più anziani, determinati a ritrovare il fuoco degli inizi, sino alla coppia più improbabile e spassosa: Victor, il galante e modaiolo avvocato di Ana, e Maria, la brillante e un po’ pettegola cameriera de “La casa del Giacinto”.

Tutti incuranti del fatto che la struttura che li ospita sia ancora incompleta, ma anzi desiderosi di unire le proprie forze per pulirla e migliorarla, soprattutto in vista della recensione del temuto critico Hopwell (un cameo di Eric Roberts). Dunque, il familiare non manca né a Webster, né al bed and breakfast di Jake, dove anche le autorità, dal poliziotto Pete al giudice-consulente di coppia, sono rilassate e informali, bevono birra e amano gli scherzi.

Perché la ricetta sia completa bisognerebbe aggiungere, però, solo quel pizzico di rischio. Un esotico omaggio alle origini brasiliane del regista, di cui si farà interprete sul finale Ana. La sua cucina, infatti, unita all’ottimo vino locale, riunirà prima a tavola e poi sulla pista da ballo tutti gli ospiti del bed and breakfast, compreso Hopwell.

Marcio Garcia tenta di dimostrare quindi che in amore, come nel settore alberghiero, basta saper miscelare bene gli ingredienti.

Curiosità

b&b movie

 

Bed & Breakfast – Love is a happy accident è il film d’esordio di Marcio Garcia.

 

Scopri uno dei più accoglienti bed & breakfast in Italia.

Giorgia Colucci

Giorgia Colucci

Classe 1998, inguaribile sognatrice e amante dell’arte in ogni sua forma. Laureata in Comunicazione Media e Pubblicità presso l'Università IULM di Milano, dopo il doploma al liceo classico, lavoro come giornalista sportiva, di spettacolo e di cronaca. Racconto la musica in radio per passione e nel tempo libero tento di ritrovare nel mondo quella bellezza descritta sui libri. Il cinema è per me complementare alla lettura. È un'espressione raffinata del nostro mondo intrinseco, il mezzo per fuggire dalla realtà e perdersi semplicemente. Apprezzo ogni genere di film, ma sono innamorata profondamente delle atmosfere talvolta favoleggianti, talvolta cupe di quegli strani anni in cui a popolare il grande schermo erano i miti. Mi emoziono spesso, perciò scrivere, per comprendere e amare, diventa una necessità.
Leggi tutti gli articoli di Giorgia Colucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *