- Giallo, Recensioni

Dieci piccoli indiani

dieci piccoli indiani locandinaTitolo originale: And then there were none

Regia: René Clair

Sceneggiatura: Dudley Nichols

Cast: Barry Fitzgerald, Walter Huston, Louis Hayward

Musiche: Mario Castelnuovo-Tedesco

Produzione: USA 1945

Genere: Thriller

Durata:  97 minuti

Trailer

dieci piccoli indiani invitati  dottor Armstrong dieci piccoli indiani  coppia dieci piccoli indiani

 

Regia: stellastellastella

Interpretazione: stellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastellastella

Musica: stellastellastella

Giudizio: stellastellastellastella

 

Trama

Dieci individui fra loro sconosciuti vengono invitati dal misterioso signor Owen a trascorrere un fine settimana nella sua grande dimora, ubicata sull’altura di Nigger Island, isola deserta nel Devon. Accolti soltanto dalla servitù, il giudice Quinncannon (Barry Fitzgerard), il dottor Armstrong (Walter Huston) e gli altri si ritrovano a cenare insieme, domandandosi il perchè di quello strano invito.

La risposta giunge da un disco in cui la voce del padrone di casa accusa i vari ospiti di crimini e misfatti, annunciando loro che verranno uccisi uno a uno per quanto commesso. Il primo a cadere, il principe Starloff, muore avvelenato, e subito dopo uno dei dieci piccoli indiani scolpiti nel centro tavola viene rotto, dando inizio a un gioco a eliminazione spietato quanto risoluto. Chi riuscirà a sopravvivere?

Recensione

Gli appassionati della grande scrittrice Agatha Christie conoscono alla perfezione il romanzo che nel 1939 spopolò uscendo dapprima a puntate sul giornale Daily Express e diventando in seguito un successo mondiale. Il libro, considerato dalla sua autrice il più arduo da scrivere, ottiene la prima trasposizione cinematografica assoluta in terra americana.

Hollywood mette a disposizione di René Clair 1.200.000 dollari. Il poliedrico cineasta francese prende dunque in mano la sceneggiatura di Dudley Nichols e ne fa un adattamento la cui indiscutibile fedeltà alla fonte letteraria – eccettuate lievi differenze di nomenclatura – risulta inopinabile.

Ambientazioni, scenografie e perizia nella selezione del cast fanno di questo film un indiscutibile esempio di aderenza cinematografica con un ampio respiro di resa creativa in termini di rappresentazione visiva.

Nello spazio chiuso della villa (un universo i cui confini sono imposti da limiti naturali più che domestici) e più in generale dell’isola, i personaggi si muovono come topi in trappola in un labirinto fatto di sentenze di morte ed enigmi da risolvere all’ombra di una filastrocca minacciosa che sembra conoscere il futuro.

In questo senso il giallo arriva a fondersi con il fantastico generando un’atmosfera soprannaturale che sparge inquietudine. Non sapere chi è la vittima e chi l’assassino non confonde solo i protagonisti ma, naturalmente, anche i distaccati osservatori che lentamente si ritrovano a condividere paura e pathos come se stessero vivendo la vicenda in prima persona.

Al resto pensano luci soffuse, bui improvvisi, rumori lungo i corridoi e quei tipici elementi pseudogotici che resistono al tempo e alle declinazioni moderne del genere.

Pellicola solidissima non priva di ironia e sarcasmo, che ottempera alla filosofia cardine della Christie secondo la quale anche nelle situazioni più tragiche, l’omicidio può essere visto come materia ambivalente, affatto unilaterale, e perciò aperta potenzialmente a una visione kafkiana e grottesca.

Conoscere infine il colpevole soddisfa una curiosità alimentata per oltre 90 minuti ma è un obiettivo secondario rispetto allo svelamento del motivo reale, quello che ha mosso la mano del misterioso direttore d’orchestra.

Curiosità

esterno villa dieci piccoli indiani

Il film vinse il Pardo d’Oro al Festival di Locarno.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *