- Fantastico, Recensioni

Dumbo

dumbo posterTitolo originale: Dumbo

Regia: Tim Burton

Cast: Colin Farrell, Michael Keaton, Danny DeVito, Eva Green

Musiche: Danny Elfman

Produzione: USA 2018

Genere: Fantastico

Durata: 112 minuti

walt disney pictures   Trailer

dumbo star  colin farrell ed eva green dumbo  michael keaton e danny devito

Regia: stellastellastellastella

Interpretazione: stellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastellastellastella

Musica: stellastellastellastella

Giudizio: stellastellastellastella

 

Trama

Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, Holt Ferrier (Colin Farrell) ritorna alla propria famiglia d’origine, il circo. Era acrobata e domatore ma, rimasto ferito nel conflitto, ora dovrà ridare speranza e dignità alla sua vita e a quella dei suoi figli. Il proprietario del circo (Danny DeVito) ha appena acquistato un’elefantessa che sta per mettere alla luce un piccolo cucciolo il quale, però, appena nato mostra subito una particolarità: le orecchie giganti. Preso in giro da uno dei perfidi acrobati, sarà difeso dalla madre, subito dopo punita e venduta.

I figli di Holt si accorgono presto che con le sue orecchie Dumbo può volare e convincono l’elefantino a esibirsi al circo per guadagnare abbastanza e poter così rivedere la mamma. Sembra che vada tutto bene fino a quando un persuasivo e cinico imprenditore, Vandevere (Michael Keaton) arriva al circo accompagnato dalla bellissima trapezista Colette Marchant (Eva Green).

Recensione

La signora Jumbo che difende il proprio figlio fino allo stremo per proteggerlo dalla malvagità del mondo è l’icona della Madre, una grande madre secondo l’ideologia classica ma soprattutto una “madre grande”, trattandosi di elefantessa.

In lei, che ha dato al mondo Dumbo, si rispecchiano bambini e bambine cresciuti con il coloratissimo film a cartoni del 1948 e ora genitori che accompagnano al cinema i propri figli per far loro rivivere la stessa emozione.

Sul grande schermo, però, l’avventura che si accende 70 anni dopo la prima volta è quella del conflitto generazionale, di un paese diviso tra chi è uscito dalla guerra come vincitore e chi invece porta sul corpo i segni del conflitto, della lotta tra l’imprenditore senza scrupoli con il fiuto per gli affari e un appassionato capo di un circo ormai allo sfascio ma con grande sapienza tecnica.

Il live-action Dumbo di Tim Burton, che precede di pochi mesi l’uscita dell’attesissimo Re Leone realizzato con la stessa tecnica, non è un classico remake ma una storia totalmente nuova, eccezion fatta per il nucleo. Nuova, dunque, sin dal concepimento.

Il primo Dumbo nacque in fretta e furia per risollevare le sorti del visionario ma economicamente insoddisfacente Fantasia, il film che segnò il passaggio dello “zio Walt” dalle Silly Simphonies alla cinematografia d’animazione più amata ai quattro angoli del mondo.

Il Dumbo del 2019 è invece un film nato per restituire dignità a una storia foriera di successo e soldi per la Disney del secondo dopoguerra e che qui è consacrata da un cast d’eccezione formato da uno straordinario ed emozionante Danny DeVito, da Michael Keaton che passa dai panni dell’eroe Batman a quelli del cattivissimo Vandevere e dai personaggi bellissimi e sognatori di Colin Farrell ed Eva Green.

Saranno loro che, come nella migliore delle tradizioni Disney, diventeranno il principe e la principessa della fiaba. E cosa dire del vorticoso parco giochi delle meraviglie di Vandevere? Non ricorda forse un po’ troppo, nonostante la smentita ufficiale di regia e produzione, il regno di Disneyworld sin dal nome Dreamland?

Il Dumbo di Tim Burton porta sul grande schermo una pellicola che ricorda la poesia di Edward mani di forbice, la meraviglia di Big Fish e la fantasia di Alice in Wonderland, un’operazione cinematografica adatta forse più ai bambini di ieri divenuti adulti che a quelli di oggi.

Un film dove l’elefantino volante fa sognare e commuovere, lasciando a bocca aperta tutti i presenti in sala. Un film nel quale l’incontro con “l’amore di mamma” rende evidente come i sentimenti veri possano distruggere (non solo metaforicamente) le sovrastrutture e i falsi colori del mondo, aprendosi allo sfavillio della verità che a volte sa sorprenderci più di ogni effetto speciale.

Curiosità

eva green dumbo

 

Eva Green è alla terza collaborazione con Tim Burton dopo Dark Shadows e Miss Peregrine.

 

Immagini: © 2018 Disney Enterprises.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *