- Drammatico, Recensioni

Era mio figlio

era mio figlio posterTitolo originale: The Last Full Measure

Regia e sceneggiatura: Todd Robinson

Cast: Sebastian Stan, William Hurt, Christopher Plummer, Ed Harris

Musiche: Philip Klein

Produzione: USA 2020

Genere: Drammatico

Durata: 110 minuti

Trailer

jeremy irvine era mio figlio  william hurt e sebastian stan era mio figlio  christopher plummer era mio figlio

 

Regia: stellastella

Interpretazione: stellastellastella

Sceneggiatura: stellastella

Musica: stellastella

Giudizio: stellastella

 

Trama

Il giovane e brillante agente del Pentagono Scott Huffman (Sebastian Stan) ha una missione da compiere per cui non nutre un grande interesse: deve indagare sulla richiesta di una medaglia d’onore per il paramedico William H. Pitsenbarger (Jeremy Irvine) che è stata respinta nonostante l’evidente atto di eroismo compiuto dal giovane.

Durante una missione di salvataggio nel 1966, il paracadutista Pitsenbarger aveva la possibilità di fuggire sull’ultimo elicottero impegnato in una difficile zona di guerra in Vietnam. Decise, però, di restare a terra per aiutare i compagni, compiendo il più grande sacrificio della sua vita: salvò quasi sessanta soldati americani in una delle battaglie più sanguinose del conflitto, prima di restare ucciso.

Trentadue anni dopo, Tom Tulley (William Hurt), sergente dell’Aeronautica in pensione, e i genitori di Pitsenbarger (Christopher Plummer e Diane Ladd) stanno ancora lottando per ottenere dal governo che a William venga assegnata una medaglia d’onore postuma.

Al loro fianco ci sono Ray Mott (Ed Harris), soldato salvato da Pitsenbarger che si sente in colpa per essere sopravvissuto, Billy Takoda (Samuel L. Jackson), un veterano che si sente responsabile della presenza di Pitsenbarger a Xa Cam My, e Jimmy Burr (Peter Fonda), un ex soldato di fanteria che a distanza di decenni la notte non riesce a dormire a causa degli orrori a cui ha assistito in Vietnam.

Recensione

Di film sulla guerra in Vietnam ne sono stati girati tanti, tra cui alcuni capolavori. Non rientra tra questi Era mio figlio, sceneggiato e diretto da Todd Robinson, regista del thriller Lonely Hearts. Anche in questo caso la storia alla base della pellicola è realmente accaduta e mette in luce solo uno dei tanti aspetti della difficile guerra nella giungla del Sud-Est asiatico.

In questo caso ci si è concentrati sull’eroismo di un uomo che non si è risparmiato, sino a sacrificare la propria stessa vita per quella dei compagni. La classica celebrazione, tutta americana, dell’eroe nazionale, molte volte omaggiata sul grande schermo. Commozione, lutto e valore umano, come nel più tradizionale dei melodrammi bellici, condito da un pizzico di intrigo e corruzione politica che impediva il conferimento della tanto agognata medaglia.

Così come il protagonista abbandona progressivamente il suo cinismo in favore dell’empatia e della generosità, man mano che si addentra nei meandri di questa vicenda storica, così lo spettatore non fatica a mettersi nei panni di questi veterani segnati per sempre dagli orrori della guerra, molto ben interpretati da grandi vecchi di Hollywood come Ed Harris, Samuel L. Jackson e Peter Fonda.

In definitiva, questo film non aggiunge niente di nuovo o di memorabile alla vasta filmografia sul Vietnam, ma scorre piacevolmente nelle sue vesti di melodramma dalle radici storico-belliche.

Curiosità

peter fonda

 

Peter Fonda è alla sua ultima interpretazione sul grande schermo.

 

Copyright immagini: Notorious Pictures

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *