- Recensioni, Survival Movie

Escape Room

escape roomTitolo originale: Escape Room

Regia: Adam Robitel

Sceneggiatura: Bragi F. Schut, Maria Melnik

Cast: Taylor Russell, Logan Miller, Jay Ellis, Deborah Ann Woll

Musiche: John Carey, Brian Tyler

Produzione: USA 2019

Genere: Survival Movie

Durata: 99 minuti

columbia pictures logo    Trailer

 

inizia l'escape room  Amanda e Ben Escape Room  sopravvissuti escape room 2019

 

Regia: stellastellastella

Interpretazione: stellastella

Sceneggiatura: stellastellastella

Musica: stellastella

Giudizio: stellastellastella

 

Trama

La studentessa di fisica Zoey, la veterana di guerra Amanda, il camionista Mike, il nerd Danny, il trader Jason e il magazziniere Ben ricevono un misterioso invito per partecipare a un’escape room. Spinti da un premio di 10.000 dollari in caso di vittoria, accettano tutti senza immaginare che quel gioco si rivelerà una trappola mortale piena di insidie letali, un’impresa che scaverà a fondo nel passato di ciascuno di loro.

Recensione

In chiara controtendenza rispetto ai thriller di genere, l’Escape Room di Adam Robitel prende le distanze dal precursore omonimo girato nel 2017 da Will Wernick prefiggendosi uno scopo preciso, che non è quello di orripilare inventando nuovi truculenti modi di uccidere. Le differenze fra i due film demarcano territori con caratteristiche di messinscena distinte, ma è nei contenuti il massimo divario.

Se nella prima pellicola è la noia a spingere i protagonisti fra le braccia subdole dell’incubo, nella seconda il motivo cambia e si rivela quasi prettamente psicologico, legato a un inconscio emergente in rapporto stretto con il traumatico passato di ciascun giocatore. Il potere qui sta nel riuscire a coinvolgere lo spettatore nella ricerca della soluzione degli enigmi.

Un percorso, dunque, ch’è in parallelo l’esplorazione di un ambiente volutamente barocco, stracarico di oggetti, parole e numeri ma in un attimo incline al minimalismo, all’inspiegabile eppur logico disporsi degli elementi. Come spesso accade, esiste un momento in cui la forza del gruppo viene meno e iniziano a distinguersi le individualità, gli egoismi dettati dallo slancio naturale di sopravvivenza a scapito di tutti gli altri compagni di sventura.

Ogni certezza va incontro a un progressivo sgretolamento e l’unica scappatoia sembra essere l’affidamento alle proprie conoscenze, a memorie, ricordi e reminiscenze attinte al vissuto. Un’Escape Room mai banale, oculata nello sfoggio di CGI, costellata di situazioni dipanate a fatica da personaggi inquieti, di diversa estrazione e con un folle bisogno di sopravanzare i fantasmi per reintrodursi con rinnovato spirito nella società.

Curiosità

zoey escape room

La Columbia Pictures ha già avviato il progetto del sequel, che uscirà nelle sale non prima d’inizio 2022.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *