- Recensioni, Slasher

Halloween II – Il Signore della Morte

halloween II locandinaTitolo originale: Halloween II

Regia: Rick Rosenthal

Sceneggiatura: John Carpenter, Debra Hill

Cast: Jamie Lee Curtis, Donald Pleasence, Charles Cyphers

Musiche: John Carpenter

Produzione: USA 1981

Genere: Slasher

Durata: 90 minuti

Trailer

halloween II scena  halloween II jamie lee curtis  dottor loomis in halloween II

 

Regia: stellastellastella

Interpretazione: stellastella

Sceneggiatura: stella

Musica: stellastellastella

Giudizio: stella

 

Trama

Ad appena 24 ore dalla fuga dall’ospedale psichiatrico, Michael Myers ha già scatenato il panico e non intende fermarsi fino a quando non avrà trovato la sorella Laurie (Jamie Lee Curtis). Il dottor Loomis (Donald Pleasence) gli dà la caccia, ma i proiettili della sua pistola potrebbero non bastare.

Recensione

Brutto capitombolo per John Carpenter, che non riesce a dare un giusto seguito al primo capitolo diretto nel 1978, ovvero Halloween – La notte delle streghe. Stavolta non è lui in cabina di regia ma lo sconosciuto Rick Rosenthal, che fa ciò che può per addensare la limacciosa sceneggiatura del predecessore, ripetitiva, claudicante e fiacca persino nell’intento d’infondere paura.

Questo Halloween II s’impantana in un osceno non-sense evitando qualunque intreccio narrativo in grado di ispessire la storia macabra di un assassino scevro di ogni carisma orrorifico, mandato a vagare per le strade del niente con un coltello in mano, una maschera sul volto e una tuta a coprirne i tratti fisici quasi fosse un manichino in movimento.

Tutta l’azione limita la sua aura già limitata tra le mura di un algido ospedale, i cui corridoi pullulano non solo di assassini ma anche di barellieri svogliati, infermiere compiacenti e caposala assenti. Ecco, allora, che il terrore abbandona l’antagonista per intaccare il sistema americano e le sue magagne sepolte nell’ombra del laissez faire agli inizi degli anni ’80.

Gli spari della pistola di Loomis risultano essere l’unico vero sussulto che, purtroppo, non provoca l’agognato salto sulla sedia bensì solamente lo sdegno di chi si trova ad assistere a una brutta replica. Si ha, tuttavia, la sensazione che un terzo capitolo possa trovare terreno fertile e, quel che è peggio, finanziatori.

Curiosità

michael myers

Si ipotizzò di girare il film in 3D ma Debra Hill ritenne l’impiego della tecnica troppo costosa e irta di difficoltà, tra le quali le riprese in esterni e per giunta di notte.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *