- Horror, Recensioni

Halloween – La notte delle streghe

halloween - la notte delle streghe posterTitolo originale: Halloween

Regia: John Carpenter

Cast: Jamie Lee Curtis, Donald Pleasence, Tony Moran

Musiche: John Carpenter

Produzione: USA 1978

Genere: Horror

Durata: 93 minuti

Trailer

michael myers bambino  michale myers halloween  halloween jamie lee curtis

 

Regia: stellastellastellastella

Interpretazione: stellastella

Sceneggiatura: stellastellastella

Musica: stellastellastellastella

Giudizio: stellastellastella

 

Trama

Illinois, 1963. Nella notte di Halloween il piccolo Michael Myers uccide la sorella più grande a colpi di coltello e per l’efferato delitto viene rinchiuso in un ospedale psichiatrico. Quindici anni dopo lo psicopatico riesce a scappare e torna al quartiere natio, mietendo vittime fra i giovani che lo abitano. Il dottor Loomis (Donald Pleasence) lo insegue nel disperato tentativo di riprenderlo.

Recensione

Il terzo film di Carpenter coincide anche con il primo reale successo autoriale, non privo di numerosi spunti riconducibili al cinema di Dario Argento e Mario Bava. I riferimenti si palesano a cominciare dalla partitura musicale che, attraverso le note ridondanti del pianoforte, alimenta tensione e inquietudine, elementi sui quali il cineasta ripone le chiavi di lettura del suo horror in salsa slasher.

Profondo rosso, girato nel 1975 da Argento, induce Carpenter a ricercare una regia mirata, particolareggiata e addentrante: la prima sequenza, interamente condotta in soggettiva, provoca empatia orrorifica, sviscerando di fatto il lato oscuro di una follia criminale dilagante nel tempo. La cinepresa corrisponde, in questo caso, a un occhio subdolo osservatore tendente al nichilismo.

L’ossessione per il macabro voyeurismo si traduce nella piena realizzazione della scala dei piani, un’attitudine riscontrabile e reiterata in un autore creativo e legato a un genere necessitante di suspence progressiva. Michael Myers incarna una paura radicata nel cittadino americano, ovvero quella correlata alla persecuzione lesiva operata dal cane sciolto, il maniaco di fine anni ’70.

Il villain sanguinario è investito di una forza soprannaturale e di un’invulnerabilità simbolo della violenza indelebile, impossibile da scacciare. La maschera, si sa, rappresenta da sempre uno spauracchio della generazione spensierata, del quale Carpenter fa un uso opprimente. La pellicola lancia sul grande schermo la giovane Jamie Lee Curtis: non un esordio memorabile ma di certo importante.

Curiosità

donald pleasence halloween

Donald Pleasence detestava il copione del film ma accettò la parte solo perché alla figlia piacque molto Dark Star, la prima pellicola di Carpenter.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *