- Drammatico, Recensioni

Il cacciatore

il cacciatoreTitolo originale: The deer hunter

Regia: Michael Cimino

Cast: Robert De Niro, Christopher Walken, John Savage, Meryl Streep

Musiche: Stanley Myers

Produzione: USA 1978

Genere: Drammatico

Durata: 183 minuti

Trailer

il cacciatore foto corale  il cacciatore roulette russa  christopher walken il cacciatore

 

premio oscarpremio oscarpremio oscarpremio oscarpremio oscar   Miglior film, regia, attore non protagonista Christopher Walken,

montaggio, suono

 

Regia: stellastellastellastellastella

Interpretazione: stellastellastellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastellastellastella

Musica: stellastellastellastellastella

Giudizio: stellastellastellastellastella

 

Trama

Un gruppo di amici lavora in un’acciaieria di Clairton, in Pennsylvania. Nel tempo libero tutti si ritrovano sulle montagne per cacciare i cervi. Tuttavia tre di loro, Michael (Robert De Niro), Nick (Christopher Walken) e Steven (John Savage) devono partire per la guerra in Vietnam. Dopo essere stati catturati dai Vietcong e aver subito la tortura della roulette russa, due faranno ritorno mentre l’altro morirà a Saigon.

Recensione

Spietato atto d’accusa nei confronti di una guerra inutile che ha sconvolto migliaia di soldati e famiglie americane. Michael Cimino viaggia nei meandri dell’animo umano, scavando a fondo fino a rivelare i profondi traumi dell’esistenza di Michael, Nick e Steven.

L’inizio del film è una carrellata di immagini tesa a introdurre i personaggi, a raccontare la loro vita nella cittadina della Pennsylvania. Il gruppo di amici descritto appare spensierato, allegro, libero, impegnato fra lavoro, bevute nei locali e la caccia al cervo.

Nella lunga scena del matrimonio di Steven intercorrono più fattori d’interesse, come le usanze del rito ortodosso, i balli divertenti degli invitati e le occhiate fra amici, tutti elementi fortemente simbolici che fungono da preludio al dramma. La goccia che cade dai bicchieri di Steven e della sposa Angela risulta un momento chiave, un cattivo presagio ripreso saggiamente da Cimino.

Dalla vita beata si passa all’inferno del Vietnam, dove i tre vengono catturati e sottoposti alla tortura della roulette russa. Sarà questo un episodio che sconvolgerà duramente i tre amici: Steven mostrerà tutta la sua sensibilità e debolezza, Nick rimarrà traumatizzato mentre Michael cercherà di combattere quell’orrore con una certa integrità, riuscendo anche a salvare gli amici.

Michael fa ritorno a casa, accolto come un eroe decorato, ma non sarà più lo stesso, sarà schivo, stranito e non più capace di sparare a un cervo. Andrà successivamente in cerca di Steven e Nick. Il film si divide quindi in quattro parti, cioè descrizione del gruppo e loro attività, Vietnam, ritorno a casa di Michael e ricerca dei suoi amici.

Uno sconvolgente ritratto drammatico, ricco di aneddoti e curiosità, che ha vinto cinque Oscar meritatissimi.

Curiosità

axel il cacciatore

Il ruolo di Axel fu offerto a Chuck Aspegren dopo un sopralluogo in un’acciaieria di Chicago di cui era caposquadra.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *