- Avventura, Recensioni

Il ragazzo e il grande elefante

il ragazzo e il grande elefante locandinaTitolo originale: Phoenix Wilder and the Great Elephant Adventure

Regia: Richard Boddington

Sceneggiatura: Richard Boddington

Cast: Elizabeth Hurley, Sam Ashe Arnold, Tertius Meintjes, Hlomla Dandala,

Produzione: Canada, Sudafrica 2017

Genere: Avventura

Durata: 87 minuti

Trailer

elefante traversata  ragazzi ed elefante  elizabeth hurley il ragazzo e l'elefante

 

Regia: stellastella

Interpretazione: stella

Sceneggiatura: stellastella

Musica: stellastella

Giudizio: stellastella

 

Trama

Phoenix (Sam Ashe Arnold) è un ragazzino orfano che, dopo aver perso i genitori, si trasferisce in Africa dove saranno gli zii a occuparsi di lui. Durante il suo primo safari, però, si allontana dal resto del gruppo e si perde nella savana. Mentre gli zii insieme a un gruppo di ricerca sono sulle sue tracce, il giovane fa amicizia con un elefante insieme al quale combatterà un’organizzazione di spietati bracconieri.

Recensione

Il ragazzo e il grande elefante è stato girato in una riserva naturale a Bela Bela in Sudafrica, dove gli elefanti vivono in libertà nel loro habitat. Infatti, uno dei (pochi) meriti di questo film è proprio di riuscire attraverso le immagini a evocare il fascino di una terra così suggestiva come quella africana, capace di causare una sensazione di nostalgia talmente profonda in chi vi fa visita da aver creato addirittura un omonimo male.

C’è però da dire che, oltre agli splendidi panorami da documentario sulla savana e la sua meravigliosa fauna composta da leoni, elefanti e altri vivaci mammiferi, il film in sé fatica a lasciare il segno. Sebbene probabilmente pensato per un pubblico molto giovane, come il suo protagonista, e per una tranquilla atmosfera familiare, un tocco di originalità in più non avrebbe guastato.

L’appiattimento dello stile avventuroso è rintracciabile soprattutto nei dialoghi, dotati della stessa verve delle soap opera televisive della fascia post-prandiana, e nelle abilità recitative del cast, che hanno quindi l’effetto di far risaltare il naturale talento del mammifero proboscidato.

Lo sviluppo della sceneggiatura si prende inoltre numerose ottimistiche libertà riuscendo a immaginare che un giovane tredicenne da poco orfano riesca, al suo secondo giorno nel continente culla dell’umanità, a sopravvivere da solo in una savana e ad addomesticare con grande facilità e senza alcuna incertezza un elefante di almeno quattro tonnellate.

Al di là della credibilità della vicenda (elemento non assolutamente necessario), la pellicola ha come obiettivo, oltre che riportare sugli schermi Elizabeth Hurley (sì, recita ancora!), quello di far ragionare sul fenomeno del bracconaggio.

Nella visione quasi favolistica dell’opera, il povero Phoenix riesce a empatizzare con l’elefante forse perché proprio come lui soffre di una grave perdita. Mentre, però, nel suo caso essa non è rimediabile – nonostante l’introduzione in uno nuovo nucleo familiare – la perdita a cui deve far fronte l’elefante Indlovu riguarda la sua intera specie ed è causata proprio dall’uomo.

Dunque ben venga la costruttiva riflessione su un fenomeno purtroppo ancora drammaticamente attuale su cui è giusto sensibilizzare anche la coscienza dei più giovani. Sotto questa luce, Il ragazzo e il grande elefante fa sicuramente un buon lavoro, classificandosi come un prodotto di virtù morale, se non cinematografica.

Curiosità

elizabeth hurley

La carriera di Elizabeth Hurley è sempre stata molto discontinua e altalenante fra TV e cinema, poichè l’attrice è anche scrittrice, produttrice e stilista.

Miriam Reale

Miriam Reale

Mi chiamo Miriam, classe 1989 e vengo dalla provincia di Cosenza dalla quale sono scappata per vivere a Roma, città in cui oltre a studiare Lingue mi dedico alla mia passione per il cinema. La sala cinematografica è per me uno strumento vitale di evasione che mi permette di volta in volta di essere un supereroe, un’agente dei servizi segreti, una donna in cerca della favola, una rockstar ansiosa. Amo la musica elettronica e gli animali.
Leggi tutti gli articoli di Miriam Reale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *