- Fantascienza, Recensioni

La guerra dei mondi

la guerra dei mondi locandinaTitolo originale: The war of the worlds

Regia: Byron Haskin

Sceneggiatura: Barré Lyndon

Cast: Gene Barry, Ann Robinson, Les Tremayne

Musiche: Leith Stevens

Produzione: USA 1953

Genere: Fantascienza

Durata: 86 minuti

paramount logo   Trailer

 

alieni la guerra dei mondi 1953  la guerra dei mondi 1953  attacco la guerra dei mondi 1953

 

premio oscar   Migliori effetti speciali

 

Regia: stellastellastellastella

Interpretazione: stellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastellastella

Musica: stellastellastella

Giudizio: stellastellastellastella

 

Trama

In una tranquilla cittadina americana si schianta un meteorite. La popolazione è attratta dal corpo celeste, ma quando si scopre che esso contiene navicelle spaziali aliene, il panico si diffonde. I marziani sono ostili e vogliono invadere in massa la Terra.

Iniziano ad attaccare, tutto viene messo a ferro e fuoco e le difese approntate risultano vane, data la tecnologia nemica troppo progredita. Uno scienziato cerca di trovare il loro punto debole.

Recensione

Ottimo adattamento cinematografico del celeberrimo racconto di H. G. Wells, diretto dallo specialista Byron Haskin. In un primo momento doveva essere Orson Wells a sedere in cabina di regia dopo essere stato l’artefice di una colossale farsa radiofonica che aveva seminato il panico tra la popolazione americana, facendo credere che fosse in atto una vera invasione.

L’alto budget ha permesso ad Haskin di avvalersi di effetti speciali all’epoca sorprendenti, sebbene oggi risultino rudimentali escamotage di un cinema sci-fi quasi agli albori. Questo classico della fantascienza si può a buon diritto definire il precursore di tutti i successivi film su invasioni aliene e presenze extraterrestri.

Di certo si evidenzia qualche imperfezione nello stile registico e nell’interpretazione, deficitaria a più riprese ma in linea con il trend della Hollywood anni ’50. Poco male, la pellicola sa essere spettacolare, caleidoscopica e persino ludica nonostante il tema scottante della devastazione e della paura di massa.

La fotografia lungimirante di George Barnes è esaltata da un Technicolor imprescindibile capace di acuire fasci di luce, raggi distruttori e il fascino cromatico di quelle navicelle spaziali per sempre scolpite nell’immaginario collettivo.

Curiosità

navicella spaziale la guerra dei mondi 1953

Per disegnare le navicelle extraterrestri, il direttore artistico Al Nozaki si ispirò al corpo della manta.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *