- Horror, Recensioni

La Llorona – Le lacrime del Male

la llorona - le lacrime del male posterTitolo originale: The curse of La Llorona

Regia: Michael Chaves

Cast: Linda Cardellini, Patricia Velasquez, Raymond Cruz

Musiche: Joseph Bishara

Produzione: USA 2019

Genere: Horror

Durata: 93 minuti

warner bros logo new line cinema logo   Trailer

linda cardellini la llorona  tony amendola linda cardellini la llorona  la llorona

Regia: stellastellastellastellastella

Interpretazione: stellastellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastella

Musica: stellastellastella

Giudizio: stellastellastellastella

 

Trama

A seguito di alcune segnalazioni, l’assistente sociale Anna Tate Garcia (Linda Cardellini) è costretta a togliere a Patricia Alvarez (Patricia Velasquez) i due figli, ritrovati rinchiusi in uno sgabuzzino soli e al buio. Poco tempo dopo, i ragazzi vengono entrambi rinvenuti morti, uccisi a detta della madre dalla Llorona, figura spiritica evinta da una leggenda messicana, che ora ha deciso di prendere di mira la famiglia di Anna.

Recensione

Un film che ha fatto del jump scare il proprio perno intorno al quale dilatare un intrattenimento alla mercé degli appassionati dell’horror contemporaneo. La Llorona – Le lacrime del Male si traduce in una mole imponente di pathos senza soluzione di continuità, un affastellarsi elegante e ritmato di sequenze dalla tensione a tratti totalitaria per quanto ampia e improvvisa.

Pur non giocando con punti alti in mano e prediligendo un percorso fatto di cliché e tattiche cattura-pubblico, la pellicola di Chaves si assicura facilmente il successo ai botteghini curando la normalità di una sceneggiatura attinta da una leggenda messicana che sembra fare ancora presa in molte persone.

Senza novità di sorta ma con James Wan in produzione, La Llorona si scopre in itinere di visione essere un nuovo spaventoso capitolo di The Conjuring, più precisamente uno spin-off con tanto di rimando alla bambola maledetta Annabelle tramite il breve racconto di padre Perez, comparso nel prequel del 2014.

Altro indizio dell’appartenenza al franchise, l’ennesima collaborazione alla colonna sonora di Joseph Bishara, compositore feticcio di Wan (sappiamo ormai quanto i registi siano gelosi dei propri musicisti, vedere Shyamalan e il “suo” James Newton Howard o Tim Burton e Danny Elfman).

L’opera horror messa in scena da Chaves dimostra una lucidità di esecuzione e una violenza soprannaturale tali da generare un’inquietudine nettamente superiore al The Nun di Corin Hardy (in odore di sequel) poichè va a toccare le sensibili corde dell’innocenza e della fragilità famigliare, quel mondo spensierato popolato da bambini esposti già nella realtà alle violazioni sociali e al crimine.

Il silenzio, l’apparizione, il sussurro, il grido e lo spavento: nell’ordine specifico, tutti questi elementi si ripresentano a ogni salto sulla sedia laddove il buio, il riflesso e l’ombra preannunciano il climax al quale è impossibile rimanere impassibili.

Curiosità

marisol ramirez la llorona

La Llorona è interpretata dall’attrice Marisol Ramirez.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *