- Commedia, Recensioni

La truffa dei Logan

la truffa dei logan locandinaTitolo originale: Logan Lucky

Regia: Steven Soderbergh

Cast: Channing Tatum, Adam Driver, Daniel Craig

Musiche: David Holmes

Produzione: USA 2018

Genere: Commedia

Durata: 119 minuti

Trailer

channing tatum, riley keough e adam driver  daniel craig la truffa dei logan  banda la truffa dei logan

 

Regia: stellastellastellastella

Interpretazione: stellastellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastellastella

Musiche: stellastellastellastella

Giudizio: stellastellastellastella

 

Trama

Jimmy Logan (Channing Tatum), ex promessa del football, mette in atto un colpo grosso ai danni di una delle più sentite competizioni sportive americane: la corsa delle Nascar.

Recensione

Il centro degli Stati Uniti, dove vive l’America lavoratrice, negli ultimi anni è preso in considerazione non tanto per far rivivere le avventure dei pionieri quanto per raccontarci le storie contemporanee dell’America rurale, il più delle volte messa in secondo piano da quella dei divi, sempre belli nonostante l’età.

Soderbergh era uno di loro, raccontava di bande colme di divi vestiti alla moda, che svaligiavano Casinò per pura vendetta personale, con ausilio di alta tecnologia e facce di tolla riuscivano a ingannare il villain di turno, portandosi a casa il bottino.

La trama di Logan lucky non si allontana molto da queste premesse tranne che per un paio di passaggi e la mancanza di un vero antagonista; i protagonisti sono semplici lavoratori in difficoltà economica e non possiedono risorse ad alta tecnologia.

Logan Lucky lo potremmo definire il cugino brutto degli Ocean’s di Soderbergh, che anziché una vendetta verso un cattivo particolare cercano semplicemente di emergere dalla loro situazione socio economica, in altre parole una banda di soliti ignoti composta da star del cinema americano, ma introdotte in un contesto più umano.

Infatti i Logan portano i volti di Channing Tatum e Adam Driver, però qui sono due persone normali che hanno avuto poca fortuna nella vita, solo non accettano il loro destino e faranno di tutto pur di emergere dalla loro situazione. Soderbergh racconta tutto questo con un’ironia caustica e imprevedibile, girando un film indipendente in cui si muovono moltissimi attori di spicco, ridotti quasi a caricature di figure dello sport e della televisione.

La regia rimanda ai film a basso budget nelle prime sequenze e poi esplode con la scena della rapina al circuito Nascar in cui si muovono numerosissime comparse con grande impiego di mezzi mostrando anche l’adattabilità di Soderbergh nel girare e nel trasformare la pellicola.

Curiosità

seth macfarlane

 

Nel cast compare anche Seth MacFarlane, creatore de I Griffin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *