- Commedia, Recensioni

Last Christmas

last christmas posterTitolo originale: Last Christmas

Regia: Paul Feig

Cast: Emilia Clarke, Henry Golding, Emma Thompson

Musiche: Theodore Shapiro

Produzione: Gran Bretagna 2019

Genere: Commedia

Durata: 103 minuti

universal logo   Trailer

emilia clarke elfo  coppia last christmas  last christmas love

 

Regia: stellastella

Interpretazione : stellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastella

Musica: stellastellastella

Giudizio: stellastellastella

 

Trama

Kate (Emilia Clarke) è una ragazza maldestra, irresponsabile ed egoista, che lavora come elfo in un negozio dove è Natale 365 giorni l’anno. Nessuno sa più cosa fare con lei: ignora le chiamate della madre (Emma Thompson), piuttosto che tornare a casa dalla famiglia dorme all’addiaccio a casa dei suoi amici, dove combina innumerevoli disastri e al lavoro è sempre svogliata.

Il suo sogno è quello di fare la cantante come il suo idolo George Michael, ma viene regolarmente scartata alle audizioni a cui partecipa. Le cose cominciano a cambiare una mattina in cui incontra un ragazzo (Henry Golding) dai modi bizzarri, che entra nel negozio dove lavora e la invita a fare una passeggiata.

Lo strano comportamento del giovane, dolce e sfuggente al tempo stesso, incuriosisce suo malgrado Kate. Ben presto la ragazza si troverà trascinata in un vortice di emozioni che cambierà la sua vita per sempre.

Recensione

Last Christmas ha tutti gli ingredienti per essere un film di Natale “tradizionale“: un personaggio piuttosto egoista che cerca di cambiare la sua vita, la ricerca di affetto, il calore della famiglia, l’amore. Il tutto esaltato dalla cornice di una splendida Londra colorata dalle luminarie natalizie e ottimamente fotografata.

Molto interessante è la scelta delle ambientazioni: si è infatti scelto di evitare le classiche vedute di Londra, quelle più famose e amate dai turisti. Abbandonati dunque il Big Ben, Piccadilly Circus e Buckingham Palace, la cinepresa si addentra nelle vie più segrete di Londra, nell’intimità e nel calore dei piccoli appartamenti dei quartieri residenziali, nelle vie strette su cui si affacciano piccole librerie, nei giardini dove anime solitarie si incontrano sulle fredde panchine intrecciando, anche solo per poco, le loro vite.

Per quanto il film segua una narrazione “classica”, con una morale finale e molti momenti indubbiamente strappalacrime, cattura l’attenzione dello spettatore grazie a una sceneggiatura ben costruita, condita da battute brillanti e caratterizzata da personaggi ben delineati, come l’irresistibile protagonista. Emilia Clarke riesce finalmente a svincolarsi dall’immagine della “bambolina guerriera” di Game of Thrones per dare vita a un personaggio genuino e delizioso nella sua umana imperfezione.

Lodevole anche l’interpretazione di Henry Golding nei panni di Tom Webster, il “ragazzo della porta accanto” ma dai modi sfuggenti che gli conferiscono un’aura quasi magica. Splendida anche Emma Thompson, che interpreta la madre di Kate, immigrata proveniente dalla ex Jugoslavia, cupa e ansiosa, che nel suo malcelato pessimismo fa emergere una vena comica del tutto inaspettata.

Last Christmas è, nel complesso, un buon prodotto natalizio, senza alcuna pretesa, ma con un finale consolatorio che non può che fare bene e strappare un sorriso. Ci regala, insomma, una storia “zuccherosa” ma adorabile.

Curiosità

emma thompson last christmas

 

Emma Thompson è anche co-sceneggiatrice del film.

Giulia Losi

Giulia Losi

Giulia Losi è nata a Monza il 3 ottobre 1993. Ha frequentato l’Università degli Studi di Milano e si è laureata in Scienze dei Beni Culturali. Nel 2016 si è trasferita a Roma e ha frequentato la facoltà di Teatro, Cinema, Danza e Arti digitali alla Sapienza, dove ha conseguito la laurea specialistica. Grande appassionata di cinema, collabora attivamente con alcune testate cinematografiche, come Opere Prime e ha curato la rubrica radiofonica “Francamente me ne infischio” per Radio Base. Frequenta, inoltre, un corso di recitazione professionale.
Leggi tutti gli articoli di Giulia Losi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *