- Drammatico, Recensioni

L’ombra del sospetto

l'ombra del sospetto locandinaTitolo originale: The other man

Regia: Richard Eyre

Sceneggiatura: Richard Eyre, Charles Wood

Cast: Liam Neeson, Antonio Banderas, Laura Linney

Musiche: Stephen Warbeck

Produzione: USA 2008

Genere: Drammatico

Durata: 90 minuti

Trailer

 

marito e moglie  amanti  antonio banderas

 

Regia: stellastellastella

Interpretazione: stellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastella

Musica: stellastella

Giudizio: stellastellastella

 

Trama

Peter (Liam Neeson) ha una figlia indipendente e una moglie (Laura Linney) sempre in viaggio per lavoro. Quando l’uomo si trova a leggere una e-mail indirizzata alla consorte, scopre l’esistenza di un presunto amante. Intenzionato a conoscerlo, parte per Milano, dove medita di vendicarsi.

Recensione

L’ombra del sospetto va a unirsi a tutti quei film che risultano essere passati stranamente inosservati nel panorama cinematografico. Nonostante un cast di tutto rispetto, questo dramma familiare non ha trovato un consenso univoco, sebbene la compattezza e il contenuto lo rendano assolutamente dignitoso. La storia rappresenta la più tradizionale tresca amorosa, con un marito tradito e una moglie fedifraga spesso lontano da casa per lavoro.

Lisa, questo il nome, è una designer di scarpe che riscuote successo presso molte case di moda; Peter lavora in uno studio non ben definito e la figlia Abigail è una precaria con una casa in affitto e un compagno affaccendato. La famiglia entra in crisi al momento della scomparsa della donna. Richard Eyre cerca di dare un tocco di originalità nella consuetudine, collocando Lisa in una zona d’ombra che non permette allo spettatore di capire se ella se ne sia andata da casa o sia morta.

La vicenda offre spunti in relazione agli indizi e alle reazioni dei personaggi, in particolare del protagonista Peter. Egli convive con i ricordi della consorte, che ne fanno un fantasma vivente soltanto nella memoria del passato, accentuando ulteriormente l’astrattismo della sua impercettibile presenza. Il collegamento con la fatuità della donna è dato unicamente dai media, nella fattispecie il cellulare e il portatile di Lisa, abbandonati per non dichiarati motivi.

Peter si ritrova ad essere colto da un terribile dubbio, appunto “L’ombra del sospetto”, quello di essere stato tradito dalla compagna di vita che egli credeva fedele. Il disagio cresce e il film passa così da una fase passiva a una attiva, nel momento in cui il marito si muove per giungere alla verità, sebbene essa possa arrivare a sconvolgerlo.

Ralph, interpretato da Antonio Banderas, costituisce il personaggio chiaramente più curioso e ambiguo, in antitesi con Peter, suo rivale in amore. I due pervengono a un incontro chiarificatore in un modo inusuale quanto bizzarro, facendo sì che sogni, certezze e ricordi si confutino sfociando in una sensazione di mera illusione.

Eyre comunica proprio ambiguità nello scorrimento della trama, in un’alternanza di flashback frapposti alle fruizioni di e-mail e messaggi che li innescano. Il confronto fra Ralph e Peter corrisponde sicuramente al dato più interessante del film, enfatizzato dai dialoghi serrati piuttosto che dalle partite a scacchi nel locale italiano. Milano fa da sfondo a una storia che non vuole essere torbida ma certamente misteriosa, affascinante per i suoi risvolti drammatici.

Curiosità

antonio banderas e liam neeson

Liam Neeson e Antonio Banderas hanno lavorato insieme per la prima volta.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *