- Drammatico, Recensioni

Maschile singolare

maschile singolare locandina

Titolo originale: Maschile singolare

Regia: Matteo Pilati, Alessandro Guida

Sceneggiatura: Giuseppe Paternò Ragusa, Matteo Pilati, Alessandro Guida

Cast: Giancarlo Commare, Eduardo Valdarnini, Gianmarco Saurino, Michela Giraud

Musiche: Umberto Gaudino, Jean Michel Sneider

Produzione: Italia 2021

Genere: Drammatico

Durata: 100 minuti

adler entertainment logo   Trailer

 

maschile singolare scena  maschile singolare eduardo valdernini e giancarlo commare  maschile singolare

 

Regia: stellastellastella

Interpretazione: stellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastella

Musica: stellastellastella

Giudizio: stellastellastella

 

Trama

Una storia intima e personale quella vissuta da Antonio (Giancarlo Commare) che, supportato dallo stravagante coinquilino Denis (Eduardo Valdarini) e dal datore di lavoro Luca (Gianmarco Saurino), cade preda di inquietudini e turbe ormonali in seguito della separazione da suo marito Lorenzo (Carlo Calderone), una relazione interrotta dopo ben 12 anni.

Recensione

Opera prima di Matteo Pilati e Alessandro Guida, il film racconta un viaggio emotivo, senza sipari né differenziazioni di genere.

Travaglio intimistico e per certi versi toccante, il lungometraggio resta sospeso tra la storia del protagonista e quella del mondo che gli ruota attorno, spingendosi fino alla carnalità e talvolta verso l’idolatria delle esternazioni sentimentali.

Si passano in rassegna tematiche come amicizia, amore, comprensione, compassione e alcune più drammatiche, finendo per fotografare una situazione esistenziale ambigua, per poi focalizzarsi nuovamente sulla trattazione centrale della vita del protagonista.

Antonio sembra voler svoltare radicalmente ma si troverà – in un certo senso – assalito dai sensi di colpa. Questa la tematica centrale della pellicola, che ha la fisionomia di un racconto di formazione tra un inizio meramente fisico e uno sviluppo che, invece, è più profondo nell’analisi del personaggio.

Quest’ultimo rimane in bilico nel doversi rapportare sempre con la comunità, a ridosso di una plausibile sofferenza giammai esternata, nel voler essere se stesso e amare chi vuole, senza preoccuparsi dell’apparenza.

Curiosità

barbara chichiarelli in maschile singolare

Nel film compare anche Barbara Chichiarelli, che ritrova Eduardo Valdernini dopo l’esperienza della serie Suburra, grande successo Netflix.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *