- Recensioni, Western

Nella valle della violenza

nella valle della violenza locandinaTitolo originale: In a valley of violence

Regia e sceneggiatura: Ti West

Cast: Ethan Hawke, John Travolta, Taissa Farmiga, James Ransone

Musiche: Jeff Grace

Produzione: USA 2016

Genere: Western

Durata: 104 minuti

focus world logo blumhouse logo   Trailer

 

nella valle della violenza scena  gilly as james ransone  john travolta in nella valle della violenza

 

Regia: stellastellastella

Interpretazione: stellastellastella

Sceneggiatura: stellastella

Musica: stellastellastella

Giudizio: stellastella

 

Trama

Errante nelle valli desertiche del selvaggio West insieme alla fedele cagnetta Abby, il solitario Paul (Ethan Hawke) è diretto in Messico. Facendo provviste nella fatiscente cittadina di Denton, è oggetto delle prepotenze del bullo Gilly (James Ransone), che il forestiero stende con un pugno di fronte a tutta la comunità.

Costretto dallo sceriffo (John Travolta) a lasciare subito il paese, Paul subisce nella notte l’agguato di Gilly e dei suoi scagnozzi. Abby viene uccisa senza pietà, innescando la terribile vendetta. Ad aiutare l’uomo la giovane Mary-Anne (Taissa Farmiga), proprietaria dell’hotel locale con la sorella (e fidanzata del vile assassino) Ellen (Karen Gillan).

Recensione

C’è molto Tarantino in questa violenta pellicola di Ti West, ispirazioni dirette da Django Unchained e The Hateful Eight in termini di dinamiche di vendetta e umorismo a tratti grottesco quanto paradossale.

Nonostante i vari riferimenti e un substrato decisamente pulp, quella alla quale assistiamo è un’apologia della rivalsa sanguinaria a colpi di colt e rasoio. La visione prosegue e in breve ci si accorge di trovarsi di fronte alla trasposizione in salsa western del primo John Wick poiché tutto, ma proprio tutto va a coincidere senza inalberarsi in troppe interpretazioni.

Le apparenti similitudini diventano situazioni reiterate, con il protagonista obbligato a deviare dai propri pacifici intenti, a scontrarsi e a struggersi per la morte dell’unico affetto rimastogli, salvo poi scatenarsi come una furia. Anche quanto succede in seguito prende ogni gesto (o quasi) dal thriller action di Chad Stahelski.

Ethan Hawke è il vendicatore misterioso e tormentato, ideale per ripulire la marmaglia di idioti e disadattati in quel di Denton, laddove regnano la silente paura e il dispotismo di uno sceriffo giganteggiante in un piccolo stagno. Quel “marshall” ha la corpulenza affannata di John Travolta, meno efficace rispetto a James Ransone nei panni dell’odioso Gilly.

Hawke, al primo ruolo in un western (seguiranno I magnifici 7 e The Kid), infonde al personaggio le complicazioni di una personalità essenziale e taciturna, sottomessa a un trauma pregresso cui si aggiunge l’angheria del presente. Taissa Farmiga è in via di maturazione come attrice, mentre la cagnolina Abby ha già oltrepassato i livelli dell’Actor’s Studio e del metodo Stanislavskij.

Curiosità

taissa farmiga ed ethan hawke

La Blumhouse deraglia dalla consueta politica dell’horror producendo inaspettatamente (per i fan del brand di Jason Blum) un western molto cattivo.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *