- Fantascienza, Recensioni

Passengers

passengers locandinaTitolo originale: Passengers

Regia: Morten Tyldum

Sceneggiatura: Jon Spaihts

Cast: Chris Pratt, Jennifer Lawrence, Michael Sheen

Musiche: Thomas Newman

Produzione: USA 2016

Genere: Fantascienza

Durata: 116 minuti

columbia pictures logo village roadshow pictures logo   Trailer

pratt e lawrence passengers  jennifer lawrence, chris pratt e michael sheen  chris pratt e jennifer lawrence passengers

 

Regia: stellastellastella

Interpretazione: stellastella

Sceneggiatura: stellastella

Musica: stellastellastella

Giudizio: stellastella

 

Trama

Il film è ambientato sull’Avalon, un’astronave popolata da 5.000 passeggeri addormentati per 120 anni, giusto il tempo di arrivare su un nuovo rigoglioso pianeta, Homestead II, per ripopolarlo. All’improvviso una pioggia di meteoriti colpisce la navicella e lo sfortunato Jim Preston (Chris Pratt) viene svegliato con 90 anni di anticipo.

L’uomo, un meccanico in cerca di una nuova vita, inizia a esplorare l’ambiente, mangia, gioca ai videogames, parla con l’elegante barista robot Arthur (Michael Sheen), prima di iniziare a subire la solitudine in maniera quasi patologica.

Un giorno si imbatte nel pod di Aurora (Jennifer Lawrence), una scrittrice molto affascinante, e così anche l’omonima della Bella Addormentata si risveglia. Jim e Aurora iniziano a conoscersi, passeggiano nello spazio, litigano, organizzano le loro strategie di salvezza.

Recensione

Basato su una sceneggiatura di Jon Spaithts e diretto da Morten Tyldum (The Imitation Game), Passengers è una pellicola visivamente inattaccabile, dove la fantascienza si mescola al romance tra Jennifer Lawrence e Chris Pratt in un connubio che affonda inesorabilmente come un Titanic nello spazio.

L’aspetto visivo è notevole, la piscina a gravità zero resta una sequenza affascinante, la navicella viene direttamente dalla mente di Guy Hendrix Dyas, lo scenografo di Inception. Tuttavia, per quanto riguarda i temi, la tensione, l’azione e persino il buonsenso, Passengers si rivela molto debole, soprattutto in confronto a ottimi recenti film di fantascienza come Gravity o The Martian.

Chris Pratt ha difficoltà a passare dal registro comico a quello prettamente drammatico, è difficile essere seriamente coinvolti dal suo dramma, forse anche per la controversa scelta del suo personaggio. Jennifer Lawrence non è aiutata da un character scritto in modo superficiale, dove non serve molto più della presenza fisica e dello sguardo contrito.

Il finale è uno dei punti più inquietanti della pellicola e non in senso positivo. Si può credere a tutto, che una navicella spaziale sia senza personale e in balia degli eventi astronomici, che ci sia del mango fresco per colazione in una navicella in viaggio da trent’anni, ma in questo caso la sospensione dell’incredulità è un carattere semiotico impossibile da attivare.

Curiosità

lawrence pratt bacio passengers

Jennifer Lawrence ha dichiarato di essersi sentita parecchio a disagio nella scena di sesso con Chris Pratt.

Cristiano Ogrisi

Cristiano Ogrisi

Da sempre grande appassionato della Settima Arte, da quando a 6 anni vidi "Jurassic Park" al cinema e rimasi estasiato. Da quel giorno non ho più lasciato questo mondo! Il mio genere è l'horror, il mio regista David Lynch e la mia citazione "Ho una cura perfetta per una gola arrossata: tagliarla" (A. Hitchcock). Ho studiato Cinema all'università La Sapienza di Roma, mi diletto a girare cortometraggi e a disegnare locandine, ma soprattutto a invadere quanti più festival cinematografici possibile.
Leggi tutti gli articoli di Cristiano Ogrisi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *