- Fantastico, Recensioni

S.O.S. Fantasmi

sos fantasmi locandinaTitolo originale: Scrooged

Regia: Richard Donner

Sceneggiatura: Mitch Glazer, Michael O’Donoghue

Cast: Bill Murray, Karen Allen, Robert Mitchum

Musiche: Danny Elfman

Produzione: USA 1988

Genere: Fantastico

Durata: 97 minuti

paramount logo   Trailer

 

scrooged  bill murray in sos fantasmi  karen allen e bill murray in sos fantasmi

 

Regia: stellastellastellastella

Interpretazione: stellastellastellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastella

Musica: stellastellastella

Giudizio: stellastellastella

 

Trama

E’ la vigilia di Natale. Il cinico Frank Cross (Bill Murray), dirigente di un grosso network televisivo che ha sacrificato ogni affetto per la carriera, riceve la visita di tre bizzarri fantasmi la cui missione sarà quella di redimerlo.

Recensione

Una rilettura contemporanea del classicissimo Canto di Natale di Charles Dickens è per Richard Donner l’occasione di fondere la commedia col sentimento in chiave fantastica utilizzando sano sarcasmo orrorifico.

Cinismo e buonismo completano il quadro degli ingredienti più caratterizzanti, che convivono in un susseguirsi di surreali situazioni nel protagonista Frank Cross (alter ego del signor Scrooge, protagonista di A Christmas Carol), un personaggio perfettamente a misura di Bill Murray, mattatore assoluto intorno al quale mutano sfondi e contesti di una città divisa fra il caos urbano e la finzione d’interni.

In altre parole, la vigilia di Natale corrisponde a una ventiquattro ore scelta in sceneggiatura come microcosmo temporale delegato a circoscrivere un’avventura di radicale trasformazione caratteriale, il cui apice conclusivo esonda proprio nel set in cartapesta del rifacimento televisivo del capolavoro letterario.

Il finale, verboso e ricolmo di messaggi rivolti al pubblico come vademecum da seguire per godersi una festa cristiana ricca di moniti e propositi, invita all’amore collettivo senza riserve. Donner gioca con il metacinema accostato all’apparenza illusoria dell’iper-realismo nascosto e ci pensa Murray a stravolgere questo gioco innestando la marcia dell’esuberanza scatenata.

La rilettura del Dickens è una rilettura della vita che, al di là degli artifizi scenici (effetti speciali, visioni e interventi divini), si riflette nella coscienza del singolo aprendo le porte alla speranza di redenzione.

Curiosità

john, bryan doyle, joel e bill murray

Nel film hanno dei piccoli ruoli John Murray, Bryan Doyle-Murray e Joel Murray, fratelli di Bill.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *