- Recensioni, Sport Movie

Southpaw – L’ultima sfida

southpaw - l'ultima sfida locandinaTitolo originale: Southpaw

Regia: Antoine Fuqua

Sceneggiatura: Kurt Sutter

Cast: Jake Gyllenhaal, Forest Whitaker, Rachel McAdams

Musiche: James Horner

Produzione: USA 2015

Genere: Drammatico

Durata: 123 minuti

Trailer

rachel mcadams e jake gyllenhaal  jake gyllenhaal e forest whitaker  billy hope southpaw

 

Regia: stellastellastellastella

Interpretazione: stellastellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastella

Musica: stellastellastella

Giudizio: stellastellastella

 

Trama

Il pugile campione dei mediomassimi Billy Hope (Jake Gyllenhaal) ha fama, soldi, fan, una bella consorte (Rachel McAdams) e una figlia adorabile. Durante uno screzio con il rivale Miguel Escobar, la moglie Maureen è colpita da un proiettile vagante e muore tra le braccia di Billy.

Il pugile, sconvolto, perde tutto, compresa la piccola Leila, che viene affidata ai servizi sociali. Deciso a riprendersi il titolo e gli affetti, Billy si rivolge a Titus Wills (Forest Whitaker), ex picchiatore che allena ragazzi di strada, e con lui ricomincia la scalata alla vetta della sua esistenza.

Recensione

Quello di Antoine Fuqua è decisamente un film che divide, lasciando una scia di repentine perplessità smorzate da un modo retroattivo di intendere la parabola pugilistica.

Southpaw è indubbiamente una pellicola sulla boxe, ma non di meno tiene avvinghiate le redini di un discorso intimo ed esistenzialista in riferimento a un uomo che conosce tragicamente tutti gli aspetti della vita, ruzzolando rovinosamente da una cima fin in fondo a un pozzo buio e desolato.

Fuqua rimane strettamente legato al proprio modus operandi registico, affrontando sequenze calde e scene violente con pressing da autore di livello, riuscendo però a spettacolarizzare poco gli incontri sul ring e fallire, così, un approccio deciso con la lotta fra uomini.

Se da questa prospettiva manca l’alone aureo di cui può fregiarsi l’intera saga di Rocky, da un’altra il cineasta dimostra attenzione nel tratteggiare tutto ciò che va oltre un match e i relativi momenti mitizzati, costringendo dentro l’inquadratura un protagonista sofferente per i colpi subiti, annebbiato e incapace di affrancarsi da una carriera molto pericolosa.

La storia di Billy Hope ha molto in comune con quella del pugile di Philadelfia, compresa la bravura dell’attore che lo interpreta: Jake Gyllenhaal, dopo l’ottima prova de Lo sciacallo, riprende chili ma scolpisce un fisico che gli permette anche di esprimere rabbia, tensione e aprire tutte le valvole del dolore umano.

Southpaw, curiosamente, è popolato di personaggi ignavi, nè buoni nè troppo cattivi, ancorati a un flusso di eventi difficilmente prevedibili e controllabili. Forest Whitaker, nella parte di Titus Wills, è copia estetica riciclata dal Million Dollar Baby di Clint Eastwood, somigliante in tutto e per tutto al vecchio pugile interpretato allora da Morgan Freeman.

Il film, purtroppo svuotato dalla necessaria enfasi per via di una scrittura un po’ sbrigativa e spiccia che ne condiziona anche il montaggio, non entrerà negli annali del genere ma non lascia indifferenti in quanto in grado di gestire le fasi più acute del dramma e imbastire un riscatto convincente.

Curiosità

billy hope southpaw - l'ultima sfida

 

Eminem è produttore esecutivo della colonna sonora.

 

Immagini: Copyright © 01Distribution

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *