- Drammatico, Recensioni

The Quake – Il terremoto del secolo

the quake manifestoTitolo originale: Skjelvet

Regia: John Andreas Andersen

Cast: Kristoffer Joner, Ane Dahl Torp, Jonas Hoff Oftebro

Musiche: Johannes Ringen, Johan Söderqvist

Produzione: Norvegia, 2018

Genere: Drammatico

Durata: 106 minuti

Trailer

kristoffer joner the quake  the quake la città crolla  the quake palazzi

Regia: stellastellastella

Interpretazione: stellastellastellastella

Sceneggiatura: stellastella

Musica: stellastellastella

Giudizio: stellastellastella

 

Trama

Kristian (Kristoffer Joner) è un geologo affermato, ritenuto un eroe per essere stato capace di cogliere i sintomi di un terremoto disastroso, mettendo in salvo diverse persone e la sua famiglia. Dopo quel traumatico evento, tuttavia, è attanagliato dai sensi di colpa per non essere riuscito a salvare più vite ed è costantemente angosciato dall’idea di una catastrofe imminente.

Questa ossessione lo porta a separarsi dalla sua famiglia, almeno finché un suo amico e collega muore in un tragico incidente all’interno di una galleria nei pressi di Oslo. Le strane circostanze dell’evento e gli studi dell’amico lo portano a pensare che forse le sue paure siano ben più concrete di quel che pensasse.

Recensione

Il film, per quanto aderisca al filone catastrofista, si discosta parzialmente dalla struttura tipica del genere: solitamente le pellicole incentrate su un evento catastrofico come un naufragio, un incidente  aereo, un uragano, o, appunto, un terremoto, cominciano con una breve presentazione dei personaggi coinvolti e del loro background, per poi arrivare velocemente al momento della catastrofe, a cui poi seguirà il disperato tentativo dei sopravvissuti di trovare una via di fuga.

The Quake, invece, regala ampio spazio al protagonista, lasciando tuttavia molto al non detto, permettendo di intuire la storia di Kristian attraverso i suoi gesti e le sue azioni. Inoltre, la scelta di dividere equamente la pellicola fra la preparazione all’evento cardine e il momento effettivo della tragedia, con tutte le conseguenze che ne derivano, riesce a conferire alla struttura narrativa il giusto climax di tensione, riuscendo a coinvolgere totalmente lo spettatore.

Il senso di angoscia che diventa sempre più pressante è reso non solo grazie all’andamento narrativo nervoso che acquisisce rapidità man mano che la narrazione procede, ma anche per via della colonna sonora, che più di una volta fa udire, impercettibile, il ticchettare delle lancette di un orologio. L’empatia che si sviluppa con i personaggi e, in particolare, con Kristian, è aiutata dall’eccellente recitazione degli interpreti e di Kristoffer Joner in particolare.

Altra nota di merito è riservata alla fotografia, che offre una spettacolare panoramica della città di Oslo e dei magnifici fiordi norvegesi. Tuttavia, è facile che i film di questo tipo, attenendosi a delle regole narrative ben precise, scivolino in alcuni clichésThe Quake non è da meno, ad esempio il fatto che il solo protagonista si accorga della tragedia imminente e che nessuno gli voglia credere risulta quantomeno improbabile ed è una situazione già vista in molte pellicole dello stesso genere.

Inoltre, i motivi per cui dei sintomi di un imminente ed enorme terremoto vengano ignorati, risultano piuttosto sommari e poco credibili. Malgrado diversi stereotipi e alcune soluzioni narrative scontate, l’opera risulta comunque discreta e certamente ben riuscita dal punto di vista dell’intrattenimento e del coinvolgimento emotivo.

Curiosità

the wave

 

The Quake è il sequel di The Wave, anch’esso di produzione norvegese.

Giulia Losi

Giulia Losi

Giulia Losi è nata a Monza il 3 ottobre 1993. Ha frequentato l’Università degli Studi di Milano e si è laureata in Scienze dei Beni Culturali. Nel 2016 si è trasferita a Roma e ha frequentato la facoltà di Teatro, Cinema, Danza e Arti digitali alla Sapienza, dove ha conseguito la laurea specialistica. Grande appassionata di cinema, collabora attivamente con alcune testate cinematografiche, come Opere Prime e ha curato la rubrica radiofonica “Francamente me ne infischio” per Radio Base. Frequenta, inoltre, un corso di recitazione professionale.
Leggi tutti gli articoli di Giulia Losi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *