- Al cinema e sul divano

Povere creature!

povere creature posterDove vederlo: Al cinema

Titolo originale: Poor Things

Regia: Yorgos Lanthimos

Sceneggiatura: Tony McNamara

Cast: Emma Stone, Mark Ruffalo, Willem Dafoe, Ramy Youssef

Musiche: Jerskin Fendrix

Produzione: USA, Regno Unito, Irlanda 2023

Genere: Fantastico

Durata: 142 minuti

fox searchlight pictures logo element pictures logo film4 logo tsg entertainment logo   Trailer

willem dafoe in povere creature  bella baxter povere creature  emma stone e mark ruffalo in povere creature

leone d'oro venezialeone d'oro venezia   Leone d’Oro e Premio UNIMED a Yorgos Lanthimos

 

Regia: stellastellastellastella

Interpretazione: stellastellastellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastellastellastella

Musica: stellastellastellastella

Giudizio: stellastellastellastella

 

ADV AMAZON   Povere creature! il romanzo di Alasdair Gray

Trama

Il dr. Godwin Baxter (Willem Dafoe), scienziato brillante e poco ortodosso, dà vita a una creatura con il cervello da neonato e il corpo di una giovane donna: Bella Baxter (Emma Stone). Bella è impaziente di conoscere il mondo e, sedotta dall’abile avvocato Duncan Wedderburn (Mark Ruffalo), fugge in una travolgente avventura, decisa a ottenere libertà ed emancipazione.

Recensione

Povere creature! è il titolo del nuovo film del regista greco Yorgos Lanthimos, ma è anche ciò che verrebbe da dire dopo la visione alludendo a noi stessi, esseri umani del mondo reale, creature ormai incapaci di immergerci nell’esistenza con l’innocenza, la passione e l’energia di Bella Baxter. Siamo noi le povere creature, spettatori ammirati, un po’ invidiosi delle gesta compiute dalla meravigliosa protagonista e del suo essere personaggio così pieno di vita, scevro da condizionamenti morali, che si affanna, lotta e fugge per raggiungere la libertà.

L’opera è la trasposizione dell’omonimo romanzo dello scrittore scozzese Alasdair Gray ma anche una rivisitazione della storia di Frankenstein messa su carta da Mary Shelley. Una fiaba femminista in cui il mostro non è Bella – la creatura nata dalla geniale e contorta mente del dr. Godwin Baxter e incarnata in un bellissimo corpo – bensì gli uomini “normali” intorno a lei, che tentano a turno di possederla spinti da quella ridicola convinzione, appannaggio maschile, per cui la donna deve appartenere all’uomo e a uno soltanto.

In verità, Bella non può appartenere a nessuno, nemmeno a colui che le ha dato il respiro ma che la costringe a sottostare a un’osservazione rinchiusa, lontana dai pericoli del mondo esterno. Così, approfitta del seducente avvocato Duncan Wedderburn, perfetta incarnazione della mascolinità tossica, e insieme a lui intraprende un viaggio fantastico alla scoperta del mondo e di se stessa, bramosa di crogiolarsi in tutte le esperienze che la vita può offrirle.

Il sesso è parte integrante del suo percorso di crescita. Che sia per soldi o per amore non importa: ciò che conta è che sia piacevole, libero da condizionamenti morali, violenza o sensi di colpa. Bella ci ricorda chi eravamo in passato e ci spinge a voler ritrovare quell’innocenza in noi stessi.

Curiosità

emma stone poor thingsDurante il suo percorso di formazione, Bella reagisce al pianto isterico di un bambino esclamando “Devo andare a prendere a pugni quel bambino”. A proposito di questa battuta, l’attrice Emma Stone ha confessato un aneddoto divertente: “Per me è una battuta memorabile perché l’ha detta mio figlio di 2 anni. Un bambino stava piangendo e lui ha proprio detto ‘Devo dare un pugno a quel bambino’. Io e Yorgos abbiamo deciso di inserirla nel film perché pensavamo che fosse divertente e coerente con il personaggio di Bella”.

Photos by Atsushi Nishijima

Courtesy of Searchlight Pictures. © 2023 20th Century Studios.

Sebastiano Pistritto

Nato e cresciuto in Sicilia. Dopo la maturità, scappo a Milano in cerca di un corso di laurea utile solo a giustificare la fuga e, infatti, mi iscrivo a Scienze sociali. Dopo la laurea, un po’ per caso e un po’ per gioco, scrivo e dirigo un cortometraggio. Finalmente, capisco cosa voglio fare da grande. Frequento l’Accademia Cinema Toscana e mi diplomo in regia e sceneggiatura. Svolgo un tirocinio di sei mesi presso Read My Script, scrivo un lungometraggio per la 9Muse e realizzo opere di dubbio gusto per conto di V Channels. Attualmente vivo a Roma.
Leggi tutti gli articoli di Sebastiano Pistritto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *