- Al cinema e sul divano

Upon Entry

upon entry locandinaDove vederlo: Al cinema

Titolo originale: La llegada

Regia e sceneggiatura: Juan Sebastián Vásquez, Alejandro Rojas

Cast: Alberto Ammann, Bruna Cusí, Ben Temple, Laura Gómez

Musiche: Raquel Torras

Produzione: Spagna 2022

Genere: Drammatico

Durata: 77 minuti

exit media logo   Trailer

upon entry protagonisti  upon entry airport  laura gomez upon entry

Regia: stellastellastellastella

Interpretazione: stellastellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastellastella

Musica: stellastellastella

Giudizio: stellastellastella

 

Trama

Originaria della Catalogna, Elena (la vincitrice del Premio Goya 2018 Bruna Cusí) decide di intraprendere un viaggio avventuroso con Diego (Alberto Ammann), lasciando Barcellona per gli Stati Uniti d’America, con il sogno di una nuova esistenza. Tuttavia, già nell’area immigrazione dell’aeroporto di New York, il sogno si scontra con la dura realtà.

Gli agenti di frontiera (interpretati da Ben Temple e Laura Gómez) impongono alla giovane coppia un interrogatorio estenuante, mettendo in discussione non solo la loro storia d’amore ma anche il loro futuro.

Recensione

Dopo un’anteprima alla 16ª edizione del Festival del Cinema Spagnolo e Latino-americano, il tanto atteso Upon Entry – L’arrivo – frutto della brillante collaborazione tra Alejandro Rojas e Juan Sebastián Vásquez – promette di catturare gli spettatori con la sua potente narrazione basata sulle esperienze di vita degli stessi registi come emigrati venezuelani.

Un film dove la tensione rappresenta uno degli elementi più significativi fin dalle prime immagini. Si muove velocemente con i suoi 80 minuti risicati tra dialoghi intelligenti e interpretazioni convincenti che riescono a fare la differenza. Vásquez e Rojas sfruttano molto intelligentemente i mezzi a loro disposizione riuscendo a creare un thriller psicologico con pochi elementi, pochi personaggi, un paio di stanze e una scrittura sempre credibile e vivace.

Attraverso un incalzante susseguirsi di eventi, supportato da un montaggio virtuoso, la pellicola offre uno sguardo penetrante sulla realtà spesso crudele dell’immigrazione. Quest’opera prima non si limita a raccontare una storia in grado di sconvolgere le vite dei protagonisti, ma mette in discussione la natura stessa del loro rapporto portando sia il personaggi che lo spettatore a porsi domande sugli affetti e le decisioni di vita.

Ben Temple, noto per i suoi ruoli in Nessuno vuole la notte e I Want To Be A Soldier, affianca Laura Gómez, apprezzata per la sua interpretazione in Orange Is The New Black. Loro sono gli “aguzzini” di Upon Entry – L’arrivo, che denuncia l’abuso di potere e l’insensatezza dell’accanimento burocratico, trasmettendo un messaggio potente sulla vulnerabilità e il senso di impotenza vissuti in situazioni simili.

Non solo un esordio audace nel mondo cinematografico, ma una metafora sociale, il riflesso di un sistema ingiusto che continua a diffondersi in tutto il mondo.

Curiosità

alberto ammann

Alberto Ammann è divenuto celebre per aver preso parte al film Cella 211, cult di Daniel Monzón.

Paolo Giacometti

Amo il cinema, soprattutto quello di genere. Mi piace scrivere e gestisco community online dedicate al cinema e alla cultura nerd. Ho avviato un canale e una pagina dedicati ai film con gli zombi.
Leggi tutti gli articoli di Paolo Giacometti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *