- C'era una volta in Italia

Domenica d’agosto

domenica d'agosto locandinaTitolo originale: Domenica d’agosto

Regia: Luciano Emmer

Sceneggiatura: Luciano Emmer, Franco Brusati, Giulio Macchi, Cesare Zavattini

Cast: Marcello Mastroianni, Franco Interlenghi, Massimo Serato, Ave Ninchi

Musiche: Roman Vlad

Produzione: Italia 1949

Genere: Commedia

Durata: 90 minuti

Trailer

 

famiglia di marcella a ostia  franco interlenghi e anna baldini  anna medici e marcello mastroianni

 

Regia: stellastella

Interpretazione: stellastellastella

Sceneggiatura: stellastellastella

Musica: stellastella

Giudizio: stellastellastella

 

Trama

Alcune famiglie romane si riversano sul lido di Ostia per trascorrere una domenica d’agosto al mare.

Marcella (Anna Baldini), accompagnata dai genitori, conosce Enrico (Franco Interlenghi), arrivato in bicicletta col fratellino e un gruppo di amici; Luciana (Elvy Lissiak) abbandona l’ex galeotto Renato (Mario Vitale) partendo con l’agiato Roberto (Massimo Serato); il vedovo Alberto (Emilio Cigoli) si lascia convincere dalla cognata a lasciare sua figlia in una colonia estiva per tutta la stagione; il vigile Ercole (Marcello Mastroianni) vorrebbe sposare Rosetta (Anna Medici) ma mancano soldi e condizioni favorevoli.

Recensione

Una testimonianza d’epoca che attinge al cosiddetto “neorealismo rosa” per raccontare l’Italia popolare e il campionario d’individui che le appartiene. Tra i 100 film italiani da salvare, Domenica d’agosto è un’opera cinematografica specchio dei tempi pre-miracolo economico, la cui narrazione – condensata in un arco temporale che va dalla prima mattina alla tarda sera di una singola giornata – esamina comportamenti, riti, costumi e crucci dell’homo italicus cogliendone il pieno realismo.

Pur non indenne a divagazioni sociali da foto-romanzo, la pellicola di Luciano Emmer sa utilizzare le note della commedia per enfatizzare la sensazione di calca, i momenti del chiacchiericcio da spiaggia, i siparietti adolescenziali e i rituali della famiglia riunita per il bagno refrigerante, il pranzo al sacco, il pisolino post-prandiano.

In qualche modo, nonostante il microcosmo di Roma e Ostia sia circoscritto a quell’area geografica, nei protagonisti si riconoscono almeno tre generazioni in rappresentanza invero di tutto lo Stivale.

Altro pregio del lavoro di Emmer (antitetico alla sua regia asettica e impersonale), l’espressione senza il divismo dell’attore noto. Il cast, infatti, a eccezione della brava Ave Ninchi, conta interpreti non ancora in rampa di lancio (Marcello Mastroianni è qui doppiato da Alberto Sordi), un giovanissimo Franco Interlenghi che quattro anni prima aveva preso parte a Sciuscià di Vittorio De Sica ed Emilio Cigoli, nuovamente nel ruolo di un padre afflitto dopo I bambini ci guardano sempre di De Sica.

Curiosità

anna baldini

Anna Baldini, che nel film interpreta Marcella, all’epoca aveva soltanto 15 anni.

Samuele Pasquino

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *