- Cinefocus, Personaggi mitici

David, un androide attratto dalla conoscenza

david androideDavid è l’androide creato da Ridley Scott che abbiamo visto nel suo Prometheus, da alcuni definito un capolavoro, da altri un inutile prequel di Alien.

Un androide speciale

David è il robot che tutti vorrebbero avere. Almeno chi parte per una missione sul pianeta Lv-233. Cura il proprio corpo e allena la mente credendo, forse, di essere troppo simile all’uomo. Cammina con le infradito, si tinge i capelli di biondo imitando il protagonista del suo film preferito, Lawrence d’Arabia (kolossal del 1962 diretto da David Lean e vincitore di sette premi Oscar).

Impara le lingue, in modo particolare quelle estremamente arcane, come la “Pie“, lingua parlata dagli ingegneri. Si sofferma a riflettere e non semplicemente a eseguire i compiti che gli vengono dettati come dovrebbe fare un androide. È un personaggio molto curioso e allo stesso tempo infantile, che s’interroga sull’origine dell’umanità, sulla fede e la capacità da parte dell’uomo di provare emozioni.

Filosofia e ricerca della conoscenza

david prometheusA interpretare il composto e controverso androide è l’accattivante Michael Fassbender, che mette in scena un character davvero notevole. Spesso cattura l’attenzione del pubblico, mettendo in ombra gli altri protagonisti. Il tratto caratteristico di David consiste nella meraviglia, una prerogativa per antonomasia dell’essere umano.

david alien covenantAnzi, potremmo azzardare a dire che David è il filosofo in versione robotica in quanto, come il filosofo, l’androide prova stupore e al contempo inquietudine di fronte alle cose e a ciò che lo circonda, pone delle domande, inizia a interrogarsi sulla sua esistenza e dell’esistenza in rapporto al mondo. È alla perenne ricerca della conoscenza, spinto dal desiderio che essa suscita e, sopra ogni cosa, dal miracolo della creazione.

Tale inclinazione sfocia in una pericolosa ossessione in grado di trasformarlo in un assassino consapevole, uno spietato, lucidissimo carnefice spinto a compiere orripilanti esperimenti – come accade in Alien: Covenant – in nome della scienza e dell’evoluzione. La creatura è diventata creatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *