- Cinefocus, Personaggi mitici

Max Skinner

Il film Un’ottima annata (Ridley Scott, 2006) racconta la storia del broker Max Skinner, interpretato da un perfetto Russell Crowe: un uomo cinico secondo cui vincere è sempre l’unica priorità, dedito completamente al lavoro, tanto da non avere veri amici o persone con cui condividere la vita, che saluta i suoi dipendenti con “Buongiorno mezze seghe!” e che riceve per posta insulti da parte di colleghi e conoscenti che lo odiano.

Una tenuta in eredità

russell crowe è max skinnerUn giorno gli arriva la notizia della dipartita di suo zio Henry, l’unico che gli abbia mai voluto bene, ricambiato in silenzio. La prima cosa a cui pensa? Quanto può guadagnare dalla vendita della tenuta in cui ha felicemente trascorso tutte le estati da bambino; così vola nel paese dei “mangiarane” per rendersi conto del valore della propria eredità e darle una sistemata per potersene liberare.

Dopo che Max ha commesso una scorrettezza, che però ha fatto guadagnare alla propria società un mucchio di soldi, il suo capo Nigel è costretto a sospenderlo e sottoporlo a vacanze forzate: idea che non gli va molto a genio considerato che “Max Skinner non fa weekend, Max Skinner non va in vacanza, Max Skinner fabbrica soldi”, e che l’unica volta in cui il suo capo, una persona che stimava, si è concesso una vacanza, lui si è preso il suo posto senza troppi complimenti.

Fanny Chenal e Christie Roberts: la bella francese e la cugina americana

russell crowe e marion cotillardQuesto periodo di pausa gli permette di frequentare la bella e scontrosa Fanny Chenal e di venire a conoscenza dell’esistenza di una cugina: l’americana Christie Roberts, che si presenta nella tenuta con una foto di sua madre insieme a Henry, dicendo di voler conoscere suo padre. E’ un problema per Max, visto che per la legge francese non c’è differenza fra figli legittimi e non, e Christie potrebbe tranquillamente invalidare la vendita della tenuta se reclamasse i suoi diritti.

Ma lei scappa: non era mai stata sua intenzione rovinare i suoi piani, voleva solo conoscere suo padre ma dal momento che, ovviamente, non è gradita, si allontana, non volendo aver nulla a che fare con una persona del genere, egoista, spregevole e incapace di provare alcun sentimento.

Un cambiamento profondo: promozione o liquidazione?

christie e maxTuttavia il cambiamento profondo di Max si palesa al suo ritorno a lavoro, quando viene posto davanti a un bivio: la promozione tanto agognata o una pesante liquidazione. In sostanza, una scelta fra la sua carriera e la sua vita, che scopre non essere la stessa cosa.

Il capo ha la riproduzione di un Van Gogh nel suo ufficio: ha speso una cifra esorbitante per poter sfoggiare una riproduzione, mentre il quadro vero è al sicuro nel suo caveau sotterraneo. Quindi è questa la felicità? Lavorare come un pazzo per potersi permettere un originale da nascondere, nella paura che ti venga sottratto, e quindi privarsene, ma tenerlo lì per poter dire di possederlo? Assurdo.

Max sceglie la liquidazione, abbandona la propria vecchia vita e decide di viverne una nuova, che si adatti alla tenuta, che si adatti alla felicità, dedicandosi alle cose importanti, e soprattutto alle persone importanti.

Irene Fraschetti

Irene Fraschetti

Mi chiamo Irene Fraschetti e sono nata a Marino nel 1993. Amo il cinema da sempre e sono una patita delle serie tv americane (Vampire Diaries, Gossip Girl). Sono sonnambula e mi spavento da sola scrivendo di notte sullo specchio con il rossetto delle frasi inquietanti di cui mi accorgo solo l’indomani mattina. Fidanzata ufficialmente con la nutella.
Leggi tutti gli articoli di Irene Fraschetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *