arma letale 2 scena toilet
- Cinefocus, Scene memorabili

Una bomba nel bagno e Roger seduto sul water

arma letale 2 scena toiletLa forza della saga di Arma Letale è sempre stata quella di aver trovato un perfetto equilibrio fra l’azione, il poliziesco e l’esilarante comicità delle situazioni, talvolta sfociando in quella parentesi grottesca estremamente intelligente quanto atipica. Il compianto Richard Donner ha così creato un buddy cop movie capace di mettere in comunicazione due mondi solo apparentemente distinti: l’afro-american way of life e lo stile fuori di testa del cane sciolto bianco, aspetti incarnati dal Roger Murtaugh di Danny Glover e dal Martin Riggs di Mel Gibson.

Nel turbinio action generato dal perpetuo dinamismo della strepitosa coppia di detective con differenti manie e credo – l’uno dedito al rombo del revolver, l’altro incline all’uso dell’automatica Beretta – c’è sempre posto per il siparietto, la gag che prima o poi ti aspetti ma non puoi prevedere. E quella di Arma Letale 2 attende di fare boom! nel bagno di Roger.

Teniamo la cosa riservata

rotolo carta igienica arma letale 2Dopo tanto tempo, finalmente una toilette tutta per sé, nessuna ingerenza, nessun toc toc, nessun “papà, muoviti” o “tesoro, mi serve il bagno”. Una buona lettura serale comodamente seduto sulla tazza del water, carta igienica alla mano e… la scritta “Boom! Sei morto.” Da lì il sospetto, fondato, di avere sotto le chiappe un ordigno pronto a esplodere al primo movimento.

Su quel cesso, Roger rimane immobile tutta la notte finché la mattina ecco irrompere il collega Riggs. Stupore? Panico? No, semmai tanta voglia di darsi a una fragorosa risata… ma non prima di aver tratto in salvo l’amico. Martin verifica, la bomba purtroppo c’è. Non resta che avvisare gli artificieri, sebbene Roger sia in una situazione in cui davvero non si sa se ridere o piangere:

Martin:Cerco qualcuno che mi dia una mano.

Roger:Ehi, ehi! Lascia stare.

M:E perché?

R:Beh, perché… Io sto… seduto sul cesso. Abbi pietà di me!

M:Roger, sei seduto su una bomba, chiamo gli artificieri. Devo dire a Jarvis e ai suoi di venire qui.

R:Chiami gli artificieri? (con voce tremula)”

M:Sì, certo.

R:Va bene, chiamali ma non sulla frequenza di servizio.

M:Va bene, ok.

R:Ehhh, Riggs!… Teniamo la cosa riservata, ok?

M:Sì, certo. Eh… fidati! (fa il gesto della bocca cucita)”

Impossibile, ovviamente, pensare che Riggs si lasci sfuggire un’occasione di divertimento così ghiotta. In tempo zero sul posto arrivano tutti, ambulanze, pompieri, swat, poliziotti, curiosi e i colleghi di distretto. E lui, Roger, raggelato dalla paura e dall’imbarazzo con le braghe calate e le gambe addormentate da ore di seduta, già teme l’entrata negli annali di quell’episodio da cui si augura, in primis, di uscirne vivo.

Un LOL in piena regola

cesso sull'autoGli artificieri gettano sull’ordigno dell’azoto che permetterà un ritardo nella detonazione di 2-3 secondi. Martin e Roger partono al 3 e si fiondano nella vasca che li riparerà dall’esplosione. La bomba deflagra, la toilette viene distrutta, eppure… il famigerato cesso schizza integro dalla finestra (blooper intenzionale) per ricadere nientemeno che sul parabrezza dell’auto di Murtaugh, appena riparato dopo l’inseguimento a inizio film.

Un LOL in piena regola – ma poteva pericolosamente trasformarsi in un LMAO, acronimo di laughing my ass off ovvero “ridere fino a perdere il fondoschiena” – atto a rimarcare una volta di più il senso tragicomico di Arma Letale, l’aspetto che di fatto la rende un capolavoro di saga dal primo all’ultimo capitolo.

Guarda la scena

Samuele Pasquino

Laureato in Lettere Moderne e giornalista pubblicista freelance, sono il creatore e direttore responsabile di Recencinema.it, appassionato della Settima Arte e scrittore eclettico.
Leggi tutti gli articoli di Samuele Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *